/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

domenica 10 ottobre 2010

Spuntini di storia -2-

L'INAUGURAZIONE
DEL PONTE SUL TARO

Seconda puntata della nuova rubrica di Pramzanblog, "Spuntini di storia", piccoli assaggi del passato del nostro territorio, con gli avvenimenti e i personaggi che hanno lasciato, per sempre, il segno - Oggi ci occupiamo del Ponte sul Taro, una delle prime opere volute da Maria Luigia durante il suo governo
La prima puntata della nuova rubrica "Spuntini di storia", dedicata all'uccisione del primo Duca di Parma e Piacenza, Pier Luigi Farnese, è stata accolta con interessa da molti lettori, in particolare da quelli che sono interessati alle vicende della storia patria. Dopo il primo duca ci interessiamo oggi della Duchessa che più ha lasciato il segno nel nostro territorio, Maria Luigia. E in particolare del Ponte sul Taro che è stata una delle prime opere da lei fortissimamente volute durante il suo governo. Dal libro "Carlo Francesco Caselli, consigliere intimo di Maia Luigia", riproponiamo la grande festa del 10 ottobre 1819, quando avvenne l'inaugurazione ufficiale del ponte, che era pronto, ma non ancora agibile. La prima persona che vi transitò in carrozza fu il maresciallo Bubna nel gennaio 1821.

Nessun commento: