/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 2 ottobre 2010

Speciale Festival Verdi: la critica del "Trovatore"

ZOPPI: LA TARASOVA
HA FATTO TRASCINARE
LO SPETTACOLO
NELLA MEDIOCRITÀ
Puntata straordinaria di "Su il sipario" con la recensione di Paolo Zoppi della contrastata inaugurazione del Festival Verdi 2010
Come già spiegato ieri sera nella "diretta" dal Regio, il "Trovatore" che ha inaugurato il Festival Verdi 2010 non ha avuto esito felicissimo, in particolare a causa del mezzosoprano Marianna Tarasova, un'Azucena che ha suscitato i dissensi più accesi da parte del loggione, ma anche della platea. Oggi puntata straordinaria di "Su il sipario", con la recensione del nostro Paolo Zoppi, che ha scritto tra l'altro: "E veniamo alla Tarasova. Che dire? Dispiace veramente che uno spettacolo tanto atteso, così faticosamente costruito a prezzo di duri sacrifici causa i ben noti tagli allo spettacolo impongono, venga vanificato e scivoli nella mediocrità per colpa di un’interprete, inadeguata al ruolo. Lei non ha nessuna colpa se non quella di aver accettato un personaggio non suo, la Tarasova non è un mezzo con coloriture da contralto come la partitura richiede, ma un mezzo sopranile e quindi era inevitabile che nei gravi “sbracasse”, termine assolutamente non tecnico, che però rende perfettamente l’idea".

Nessun commento: