/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 25 ottobre 2010

Speciale Festival - Susanna Branchini

“HO COMINCIATO

A CANTARE

GRAZIE A MOZART”

Paolo Zoppi ha intervistato il soprano romano, protagonista di “Attila” a Busseto - “Un giorno fui molto colpita da una pubblicità con l'aria della "Regina delle notte" dal Flauto magico e cominciai a cantarla" - "Mia madre, di origine caraibica, appena mi sentì mi portò a lezione di canto"

Per la serie dei servizi speciali sul Festival Verdi 2010 e per la rubrica "I protagonisti", Paolo Zoppi ha intervistato, dopo il direttore d'orchestra Andrea Battistoni e il basso Giovanni Battista Parodi, un'altra grande protagonista di Attila al Teatro Verdi di Busseto: il soprano Susanna Branchini, madre caraibica, padre romano. "Mia madre", ha raccontato la Branchini a Zoppi "quando ero bambina mi trasmise la passione per la musica, ma la scintilla scattò più avanti, quando un giorno rimasi folgorata da un'aria del Flauto magico".
LEGGETE L'INTERVISTA DI ZOPPI A SUSANNA BRANCHINI

Nessun commento: