O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 23 ottobre 2010

Speciale Festival: Giovanni Battista Parodi

“MIA NONNA CANTÒ

ALLA SCALA E PROPRIO

LÌ HO FATTO

IL MIO DEBUTTO”

Paolo Zoppi ha intervistato il basso genovese protagonista di “Attila” a Busseto - “Sono cresciuto in un ambiente musicale: mia nonna paterna cantò con Beniamino Gigli"



Per la serie dei servizi speciali sul Festival Verdi 2010 e per la rubrica "I protagonisti", dopo aver incontrato il maestro Andrea Battistoni, grande rivelazione del Festival, che ha diretto impeccabilmente "Attila" al Teatro Verdi di Busseto, Paolo Zoppi ha intervistato un altro grande protagonista dell'opera verdiana, il basso genovese Giovanni Battista Parodi. "La mia laurea", ha raccontato Parodi a Zoppi "è stata vincere il concorso di ammissione all'Accademia della Scala. Nel 1999 ho partecipato all'inaugurazione della stagione, con Fidelio, e poi ho cantato in Tosca".
LEGGETE L'INTERVISTA DI ZOPPI A PARODI

Nessun commento: