/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

domenica 31 ottobre 2010

Quelle che il basket - Seconda giornata

BASKET PARMA:
PRIMA VITTORIA
Le "crociate - gialloblu" di Procaccini hanno battuto il Pozzuoli al PalaCiti per 66 a 62 - Grandissima prova di Nicole Antibe, 27 punti - Assente per infortunio Machanguana
In casa Lavezzini Basket Parma arrivano i primi due punti della stagione. Il successo delle gialloblu è arrivato al termine di un match combattutissimo e deciso solamente nell’infuocato finale, ma quasi sempre condotto con merito. Pozzuoli cede le armi per 66 a 62 in pratica all’ultimo giro d’orologio quando Laura Benko fallisce il tiro da due a venti secondi dalla sirena. Sul susseguente rimbalzo Battisodo conquista palla e subisce il fallo sistematico. A 11 secondi dalla fine va in lunetta e mette in cassaforte il risultato mettendo dentro i due punti che danno la certezza (+4). Grandissima la prova odierna di Nicole Antibe che mette a segno la bellezza di 27 punti, ma superba anche la prova di Mariachiara Franchini sia in attacco, sia in difesa e soprattutto a portar palla. Saranno 16 i punti per lei allo scadere. Terza atleta in doppia cifra per il Lavezzini, Stevenson con 13.
La cronaca vede Parma e Pozzuoli progredire passo passo sino a metà del primo quarto dove avviene il primo tentativo di allungo delle crociate: 12 a 6 grazie ad una ispirata Stevenson. Ma le flegree non ci stanno e si riportano a meno uno. Con una sequela di “bombe” il primo periodo si chiude sul 23 a 16. Sul finale il pivot ospite Walker s’infortuna al ginocchio e resterà fuori per alcuni minuti. All’inizio dei secondi dieci minuti è Franchini a fare la differenza con una tripla e due azioni da due: 27 a 18 prima e 32 a 23 dopo. Due triple consecutive delle campane Egnell e Benko fissano però il punteggio all’intervallo lungo sul 36 a 29 nonostante il disperato tentativo da tre sulla sirena di Mauriello, oggi in campo acciaccata per problemi alla schiena. Chi invece non è in campo e non ci sarà per alcune settimane è Machanguana infortunatasi in settimana. Strappo muscolare all’inguine e stop di 30 - 40 giorni. Quindi spazio a Narviciute ed Aziz che parte nel quintetto titolare. Il terzo parziale è forse il migliore per le ragazze di coach Palumbo: 47 a 43 al termine dei trenta minuti. Ma il sorpasso arriva ad inizio dell’ultimo quarto con Walker che, dopo la tripla di Benko, segna due tiri liberi: 47 a 48. I tifosi parmigiani temono l’epilogo peggiore, ma Franchini ed Antibe tengono a galla le sorti della contesa sino al finale succitato dove una combattiva Battisodo regala la vittoria al suo coach Procaccini ed al folto pubblico accorso al PalaCiti. Nel frattempo la Lega Basket Femminile ha ufficializzato che l’importante e prossimo match casalingo del Lavezzini Basket Parma con l’Umana Reyer Venezia, valido per la terza giornata di campionato, in programma per domenica 7 novembre alle ore 18 verrà anticipato alle ore 16,30 dello stesso giorno per permettere la diretta di Raisport 1. Qui sotto il commento a caldo del vicecoach del Lavezzini Basket, Pierangelo Rossi.
IL COMMENTO DI PIERANGELO ROSSI
"Le ragazze hanno dimostrato grande carattere. Si sono trovate addirittura a meno 1 a due minuti della fine, ma con la forza della disperazione hanno saputo ribaltare la situazione. Vittoria meritata, vittoria di tutta la squadra. C'è stata un po' di differenza, nel nostro comportamento, tra il primo e il secondo tempo. Nella prima parte siamo andati a canestro con maggiore continuità, nella seconda ci siamo complicati la vita. Ma la squadra, quest'anno, è partita bene, nonostante la sconfitta ai supplementari di domenica scorsa a Cinisello. La squadra pensa più a giocare a pallacanestro, quindi a "costruire", piuttosto che distruggere il gioco delle avversarie. Ed è un segno molto positivo. Continueremo su questa strada. Oggi siamo proprio soddisfatti, nonostante il punteggio che sembra un po' risicato. Come si stavano mettendo le cose, abbiamo rischiato grosso. Ma le ragazze non hanno perso la testa".
(Nelle foto: 1) Il Lavezzini Basket Parma; 2) Nicole Antibe; 3) Pierangelo Rossi)

Cor crozè - L'opinione di Michelotti

AN LA METTÈMMA
DÉNTOR
GNÀN CÓJ MAN


PARMA - CHIEVO 0-0 Ragas, mo che lavór... Al mister al ne gh’la cäva miga a vénsor gnan’ a la Playstation. E po incó a gh'éra anca un rigór märs pr'al Chievo. Par fortón'na che l'arbitro al l'à miga dè. I crozè i pólon miga dir njént. A vèddor zugär al Pärma d'incó a vén la sbavacia. Ätor che Märcia Trionfäla, incó j àn sonè la märcia da mort...

Come è andata in generale?

Pés che ‘csì... Èmma visst 'na partida da riddor. Perfino nelle rimesse laterali a dèmma la bala a chj ätor. Parma inguardabile, a parte qualche sprazzo positivo e l'assalto finale. Mo anca chilór j éron strach mort parchè j ävon zughè giovedì cól Sasól. I crozè incó i parävon Stopaj cuand al ciapäva la baza. Al pistäva 'na cuaja e po ‘l dzäva: A són sul Pont dal fiume Cuaj... Che lavór.

La partita di Mirante.

Ormai è una sicurezza, lo dico ogni volta. Però incó l'à fat un usida a vód. A pioväva e an gh'äva miga l'ombréla.

La difesa?

Sorprendente Paletta, mi piace sempre di più. Gran bell'acquisto. Nel secondo tempo bene Antonelli, Lucaréli picén l'à fat la so partida, Zaccardo senza infamia e senza lode.

Il centrocampo?

Dzemaili, per i due "gialli" e il conseguente cartellino rosso, ci ha fatto giocare buona parte della partita in dieci. Gobbi - Sgarbagnón? Allegro andante ma non troppo, se vogliamo stare in termini musicali. Valiani non male, ma niente di straordinario.

L'attacco?

Giovinco non eccezionale, deve ancora ritrovare il ritmo partita dopo l'infortunio. Incó al scartäva finn’ so mädra. L'é stè bél cuand Marino l'à miss fóra Giovinco dopo l'espulsione di Dzemaili. Tutto la stadio al s'é miss a zbrajär: Marino scemo, marino scemo. An s' pól miga, ragas. Bojinov... lasèmma perdor, va. E po adésa l'à anca cambjè moróza. In camp l'é 'na roba... Crespo? Anca lu, lasèmma perdor... Al paräva Cìtoli, coll ch'a vendäva il savonètti. Al gh'äva al Morbo äd Parkinson...

Il voto a Pasquale Marino

A gh'é poch da stär alégor. Sèmma in fónda ala clasifica, int un condomìnni, insèmma a Fiorentina, Cesena, Bologna e Bari. Al pära propja un condomìnni. Marino oggi merita un 4 meno meno. An s' pól miga andär avanti acsì.

Il voto al pubblico

Se si potesse dare undici darei undici anche oggi. Per la pazienza dimostrata. I tifosi hanno incitato la squadra fino all'ultimo secondo. Meritevole anche la tifoseria del Chievo: prima della partita una ventina di veronesi hanno donato il sangue. L'é städa la nota pu positiva 'dla giornäda.

Pramzan45

PARMA: Mirante; Zaccardo, Paletta, Lucarelli, Antonelli; Morrone (Gobbi dal 25' del Pt), Dzemaili, Valiani; Giovinco (Candreva dall'11' del St), Bojinov (Crespo dal 25' del St), Marques. Allenatore: Pasquale Marino

CHIEVO: Sorrentino; Frey, Andreolli, Cesar, Mantovani; Fernandez, Guana (Bentivoglio dal 34' del St), Constant (Moscardelli dal 24' del St); Marcolini; Pellissier, Thereau. All: Pioli
(Si ringrazia Giuseppe Mezzadri per la supervisione delle parti dialettali)

Quelli che il rugby - Eccellenza

GRANDUCATO SECONDO
ASSIEME AI CROCIATI

Nel posticipo della sesta giornata la squadra di De Marigny e Prestera ha battuto al Tre Fontane di Roma il Futura Park per 10 a 9 - Ora in classifica appaia il 15 di Pippo Frati, che incontrerà nel derby il 20 novembre

Rugby parmense al vertice (o quasi) in questo periodo del campionato, alla vigilia della sosta per i Test match della nazionale. Dopo la vittoria di ieri dei Crociati di Frati oggi c'è stata a Roma la vittoria del Granducato di De Marigny e Prestera contro il Futura Park, per 10 a 9. Così i due quindici parmensi sono appaiati al secondo posto della classifica, a due punti dai Cavalieri Prato. E il 20 novembre, ci sarà addirittura il derby di Parma. Oggi, al Tre Fontane, bruttissima partita, trasmessa in diretta dai Raisport
DE MARIGNY:
"NON AVEVAMO
IL SOLITO RITMO"

Roland De Marigny, deluso e nello stesso tempo contento: "Avevamo assenze importanti, è vero, ma nonostante la vittoria sono deluso: non c'era ritmo, non c'era intensità. Noi basiamo generalmente il nostro gioco sul ritmo e oggi quello non c'è stato. Abbiamo sofferto tanto. Ed è venuta fuori una bruttissima partita. Sì, c'è stato il vento, ma non deve essere una scusa. Eravamo spenti, forse stanchi per il viaggio, chissà. Il nostro gioco, ripeto, è basato sull'intensità del ritmo ed oggi non c'è stato proprio. Fortunatamente abbiamo vinto, abbiamo conquistato quattro punti molto importanti".

L'angolo del buonumore pràmzàn

PRAMZANBLOG
DA RIDDOR

(le vostre barzellette)

Il nostro amico Lorenzo Sartorio ci ha inviato una bella barzelletta alla pramzàna. La pubblichiamo molto volentieri e approfittiamo dell'occasione per invitare tutti i lettori a inviarci qualche barzelletta, o storiella divertente, in dialetto. Saranno pubblicate le più carine e scartate quelle volgari o di cattivo gusto.
CLICCATE PER LEGGERE
LA BARZLÈTTA D'INCÓ

sabato 30 ottobre 2010

Quelli che il rugby - Eccellenza

CROCIATI VICINI ALLA VETTA
La squadra di Pippo Frati è seconda in classifica dopo la netta vittoria con bonus contro il Mantovani Lazio per 28 a 12 - "Con i laziali avevamo perso nella partita per il titolo italiano di A1, oggi abbiamo dimostrato che quello fu un incidente"
Banca Monte Crociati Parma conferma il suo buon periodo ed è vicina alla vetta del campionato di Eccellenza dopo la netta vittoria contro il Mantovani Lazio per 28 a 12 e la conquista del bonus. Ora la separano due punti da Estra I Cavalieri Prato. Il Montepaschi Granducato, l'altra squadra di casa nostra, è ora terzo, ma ha una partita in meno: domani giocherà a Roma (la partita sarà trasmessa da Raisport) contro il Futura Park. Se conquisterà il bonus si assesterà al secondo posto davanti ai Crociati, se vincerà senza bonus, invece, le due squadre parmigiane saranno seconde insieme. E alla ripresa del campionato dopo le partite della nazionale, si affronteranno nel derby.
CROCIATI PARMA 28
MANTOVANI LAZIO 12
Marcatori: al 4' m. Woodman tr. Anversa (7-0); al 20' m. Ferrarini, tr. Anversa (14-0); al 44' m. Frati, tr. Anversa (21-0); al 57' Meta tecnica Crociati tr. Anversa (28-0); al 66' m. Gentile tr. Law (28-7): al 76' m. Mannucci mnt (28-12)
PIPPO FRATI:
ABBIAMO DIMOSTRATO
CHI SIAMO
Filippo Frati, l'allenatore dei Crociati, è esplicito: "Vittoria meritatissima, e con il bonus, come speravamo. Il risultato non è stato mai messo in discussione. Soltanto nel finale loro hanno segnato due mete, ma noi avevamo già conquistato il bonus e si è trattata di una flessione, diciamo così, "fisiologica". Questa era una partita importante per noi, perché proprio contro il Mantovani Lazio abbiamo perso la possibilità di vincere il titolo italiano di A1, dopo aver finito primi la stagione regolare. Abbiamo dimostato di essere superiori ai laziali. Non parlo di vendetta, da di vittoria meritata, che ha messo le cose a posto. La flessione finale di oggi è dipesa anche dal fatto che ho dato spazio a molti ragazzi, per permettere loro di fare esperienza. Oggi bene tutti, in particolare la mischia chiusa. Sono molto soddisfatto. Ora siamo secondi, ma a me il secondo posto non mi è mai piaciuto. Noi vogliamo e dobbiamo vincere. Il Granducato ha una partita in meno e domani con il bonus può superarci? Certo. Ma senza bonus saremmo pari. E poi chi l'ha detto che vincerà? Se perde a Roma contro il Futura Park resta dietro..." (a.m.)

Le interviste di Pramzanblog: Gabriella Corsaro

MI VA DI CANTARE
E FAR CANTARE
I BAMBINI DI PARMA

Il direttore del Coro delle Voci Bianche Ars Canto del Teatro Regio è calabrese dell’Aspromonte ma vive a Parma da dieci anni e ci si trova benissimo - “Sono venuta qui per cantare, ho debuttato nel “Barbiere” in Pilotta e non mi sono mossa più” - “La prima persona che incontrai fu un signore che cantava un’aria d’opera” - “Un piccolo corista un giorno mi ha chiesto: la prego, mi faccia cantare con il papillon”
- OGGI ALLE 18 VOCI BIANCHE IN CONCERTO ACCANTO ALL'ANNUNZIATA
di ACHILLE MEZZADRI
Aspromonte, terra dalla natura rigogliosa ed angoli selvaggi, dove Garibaldi “fu ferito, ferito ad una gamba”, dove i pastori, magi-stralmente descritti da Corrado Alvaro, hanno sudato sangue agli inizi del Novecento, dove la ‘ndrangheta ha terreno fertile, ma dove la stragrande maggioranza è fatta di gente tosta, per bene, di carattere, di cuore. Che spesso lascia l’anima nel “paesello” per conquistare il Nord, il lavoro, la carriera, talvolta il successo. Come Gabriella Corsaro, che da Oppido Mamertina, provincia di Reggio Calabria, in pieno Aspromonte, è venuta quassù, al Nord e quando ha visto Parma per la prima volta da qui non si è mossa più. È una cantante, bella voce da soprano, è con questa voce che....
LEGGETE L'INTERVISTA COMPLETA

venerdì 29 ottobre 2010

Il Parma lancia una nuova linea

LA MODA "ESEMPLARE"
DI GIOVINCO & CO

Presso la boutique "Arbiter" di via Garibaldi, Sebastian Giovinco, Cristian Zaccardo, l'amministratore delegato Pietro Leonardi ed altri dirigenti crociati, hanno presentato la nuova linea "Esemplare" di Navigare
di GABRIELE MAJO
Foto di FRANCO SACCÒ - ARCHIMMAGINE
"Navigare" ha scelto Parma per il lancio ufficiale della nuova linea "Esemplare", destinata ad una fascia alta di clientela: nel negozio di abbigliamento uomo "Arbiter" di strada Garibaldi, esattamente di fronte alla garitta dei Vigili Urbani di Piazza della Pace, alcuni capi della nuova "top line" sono stati indossati da modelli d'eccezione quali il fantasista
Sebastian Giovinco e l'ex campione del mondo Cristian Zaccardo, accompagnati dal Team Manager Alessandro Melli (presente con la moglie Silvia Serena, legale del club) e Mirco Levati (responsabile delle relazioni esterne e presidenziali. All'happy hour di presentazione, con ricco buffet, il management di Piazzale Risorgimento era rappresentato dall'amministratore delegato Pietro Leonardi (che ha simpaticamente sottratto al difensore Zaccardo, poco attento in marcatura, la sciarpa "Esemplare") ed il direttore organizzativo Corrado Di Taranto, impeccabile nel curare le pubbliche relazioni con i vertici di Navigare: la scorsa primavera fu proprio lui ad occuparsi di ogni dettaglio che avrebbe portato al rinnovo dell'accordo di sponsorizzazione come main sponsor del club, poi sancito con un grande happening a Rio Saliceto, dove ha sede la società.C'era poi il presidente Massimo Brunetti (accompagnato dalla famiglia) ed il direttore finanziario Marco Bigi. Soddisfatto? A fine serata Roberto Thrull, titolare di Arbiter (ove è in vendita per Parma la nuova linea "Esemplare") per l'affluenza del tanto pubblico richiamato dalla presenza degli atleti crociati, che si sono prestati a posare per foto e firmare autografi. (gi.emme)




L'evento di ieri al Circolo di lettura

LA PRIMA SFILATA
DI MODA
SU PRAMZANBLOG

Il nostro giornal-blog ha anche naturalmente un pubblico femminile e può far piacere all'altra "metà del cielo pramzàn" vedere una sfilata di moda - Grazie alle belle foto di Franco Saccò / Archimmagine in fondo a questa homepage pubblichiamo un'ampia galleria fotografica dell'appuntamento Moda & Musica di ieri, organizzato dalle Fornelle e presentato da Francesca Strozzi


Si è svolta ieri pomeriggio, nel Salone delle Feste San Paolo della Società di letteratura e conversazione la Sfilata della collezione Autunno Inverno 2010-2011 di Pinko e di gioielli di Montres Et Bijoux, organizzato dal Club del Fornello Parma 1, con il coordinamento della Presidente Maria Ludovica "Pupa" Luciani, presenti le Fornelle tutte. La serata, presentata da Francesca Strozzi, è stata rallegrata da intermezzi musicali, con brani tratti da colonne sonore di film, con Carla They all'arpa (la musicista ha pure sfilato), Rita Terenziani al flauto e Gian Luca Faccini al pianoforte. Si è esibita anche la ballerina Nicoletta Ronda allieva del maestro Nicola Gazaneo, un medico con la passione per il tango. Presenti alla manifestazione benefica il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli e il delegato del Sindaco per l'Associazionismo e la Cooperazioen Ferdinando Sandroni: il ricavato della serata servirà a finanziare una borsa di studio per un allievo meritevole della Scuola Alberghiera Internazionale Alma di Colorno. (gabriele majo)
(Le foto - CLICCARE PER INGRANDIRE - sono di Franco Saccò / Archimmagine - Vietata la pubblicazione senza l'autorizzazione dell'autore)
IN FONDO ALLA HOMEPAGE LA GALLERIA FOTOGRAFICA

Aria di gossip attorno a Bojinov

FORSE ADESSO
SAPPIAMO
PERCHÉ
VALERIO
NON FA PIÙ GOL

Secondo il giornale "Weekend", ripreso da "Sofia oggi", poi da "Calcioline" e "Stadiotardini.com", l'attaccante bulgaro del Parma si sarebbe invaghito di una modella del suo Paese

Aria di gossip attorno a Valeri Bojinov. Ci sarebbe una spiegazione (ed è obbligatorio usare il condizionale) per l'attuale scadimento di forma del popolare attaccante bulgaro del Parma, che non segna dal 29 agosto, prima giornata di campionato. "Valerio", come lo chiama il nostro Alberto Michelotti, avrebbe in questo periodo problemi di carattere privato. Insomma, cherchez la femme.... Secondo il giornale "Weekend", poi ripreso dal primo giornale bulgaro on line "Sofia oggi" e dai siti italiani "Calcioline" e "Stadiotardini.com" di Gabriele Majo, Bojinov sarebbe in crisi con la moglie, dalla quale ha avuto un bambino che ora ha 3 anni e si sarebbe legato a una modella bulgara, Nikoleta Lozanova. Pramzanblog, riconfermando il condizionale d'obbligo, riporta questa "notizia" solo dal momento che ormai è di pubblico dominio sul Web. Per i particolari rimandiamo, per gli assetati di gossip, a "Sofia oggi", "Calcioline" e "Stadiotardini.com"
(Nelle foto: 1) Il servizio di "Calcioline"; 2) Il servizio di "Stadiotardini.com"; 3) Nikoleta Lozanova /foto di Petar Todorinski, da "Sofiaoggi"
SOFIA OGGI
CALCIOLINE
STADIOTARDINI.COM

giovedì 28 ottobre 2010

Sabato 13 novembre all'Auditorium del Carmine

UN CONCERTO
"DA METROPOLITAN"
Gli Amici della lirica del Cral CariParma organizzano un evento musicale di assoluto rilievo: un concerto lirico con un eccezionale cast di cantanti: il soprano Desirée Rancatore, il mezzosoprano Katerina Nikolic, il tenore Celso Albelo, il baritono Vladimir Stoyanov, accompagnati al pianoforte dal maestro Martino Faggiani - Fine benefico: incasso a favore dell'Istituto del Buon Pastore e del Centro di Aiuto alla Vita - Presenterà Paolo Zoppi
Intanto levatevi subito dalla mente, perché sareste fuori strada, che Pramzanblog vuole dare ampio risalto al Grande Concerto Lirico di sabato 13 novembre all'Auditorium del Carmine perché è organizzato dal presidente degli Amici della Lirica del Cral CariParma, Paolo Zoppi, nostro critico musicale e autore della rubrica "Su il sipario". No, anche se il concerto fosse organizzato da Pinco Pallino non potremmo non sottolineare che quello del 13 novembre sarà davvero un evento, in campo musicale, molto ma molto importante. Perché radunerà sul palcoscenico dell'Auditorium del Carmine un cast veramente da leccarsi i baffi: il soprano Desirée Rancatore, il mezzosoprano Katerina Nikolic, il tenore Celso Albelo, il baritono Vladimir Stoyanov, accompagnati al pianoforte nientepopodimeno che dal maestro Martino Faggiani, il quale non è soltanto, come tutti sanno, un grande direttore di coro, ma è anche un musicista a tutto tondo e un grande pianista. Presenterà la serata Paolo Zoppi. Qualcuno si potrà domandare? Ma come fa Zoppi a mettere in piedi spettacoli del genere, spettacoli degni del Metropolitan di New York, dell'Opera di Parigi, del Liceu di Barcellona, della Scala di Milano? Eh... chiedetelo a lui. Chiedetegli quanti amici si è fatto, in decenni di frequentazione lirica, nel mondo della lirica. Amici veri, che a lui, appena possibile, appena l'agenda di impegni internazionali lo permette, dicono sì volentieri. E addirittura gli dicono: "Grazie di avermi chiamato. Non vedo l'ora di venire a cantare perché il fine è nobile, cantiamo per aiutare chi ha bisogno". Vengono a titolo gratuito, infatti, non solo per l'amicizia con Paolo, ma perché lo scopo del concerto è benefico: l'incasso sarà devoluto metà all'Istituto del Buon Pastore e metà al Centro di Aiuto alla vita. Il programma? Zoppi per il momento preferisce di ammantare di un pochino di mistero il programma dell'evento. Non per "pretattica", ma semplicemente per non togliere il gusto della sorpresa. L'unico particolare che ammette è che sarà una serata di grande musica rivolta in particolare ai palati fini, con brani di straordinaria presa e molti duetti. Ovviamente ci si chiederà: dove si acquistano i biglietti (da 20 euro)? Ecco, qui la dolente nota. L'Auditorium, vista l'importante dell'evento, è già praticamente esaurito. Forse sarà possibile "strappare" ancora qualche biglietto, se si ha fortuna. Se volete tentarla, telefonate al 338 8741800.
DOMANI
CORO TEBALDI
AL "DEL CARMINE" - Domani sera all 21, sempre all'Auditorium del Carmine, vero gioiello acustico della città, sempre più utilizzato per ospitare eventi musicali, andrà in scena un concerto del Coro Lirico Renata Tebaldi, diretto da Sebastiano Rolli, con i solisti Giovanna Pattera (soprano), Luigi Rossetti (tenore), Massimo Catellani (basso) accompagnati al pianoforte dal maestro Serena Fava. Programma ricco, con la "Preghiera" dal Mosè di Rossini e tanto, tanto Verdi. Anche questo evento, che si intitola "In coro per la prevenzione", è a scopo benefico: l'incasso (ingresso libero ad offerta) andrà alla Lilt, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori.
(Nelle foto: 1) La locandina del Grande Concerto Lirico del 13 novembre; 2) L'Auditorium del Carmine; 3) Paolo Zoppi; 4) La locandina del concerto di domani)

Una foto, una storia -119-

IL PRANZO PRAMZÀN
DEI MARINAI
IN GOLFO PERSICO

Nel 1987 la Marina italiana era presente nel Golfo Persico con un migliaio di marinai per garantire il passaggio delle navi mercantili nello Stretto di Hormuz. Compito molto delicato e difficile. Impegno che sensibilizzò il Consorzio di Parma Alimentare che volle offrire un natale "in famiglia" ai nostri marinai. Così venne organizzato un grande "pranzo di Natale" sotto le direttive dei nostri cuochi Massimo Spigaroli e Franco Soncini (Baule), a base di anolini, prosciutto di Parma e... fiumi di lambrusco. Poteva mancare Giovanni Ferraguti a quell'evento? Certo che no. Così Giovanni documentò la festa militar - gastronomica e ora la ripropone con una bella foto nella rubrica "Una oto, una storia", che firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto per vederla.
☞ IL PRANZO PRAMZÀN DEI MARINAI

Festival Verdi: proroga per i giovani con "Attila" che domani da Busseto approda a Parma

BATTISTONI
HA "CONQUISTATO"
IL TEATRO REGIO

Il Festival Verdi chiude ufficialmente questa sera con l'ultima replica del "Trovatore", ma in realtà non si ferma - Domani sera infatti, come evento speciale, andrà in scena al Teatro Regio "Attila", il terzo titolo della rassegna, che ha avuto grande successo al Teatro Verdi di Busseto, rivelando un grande giovane direttore, Andrea Battistoni - La "coda" di domani sarà però riservata, a inviti, a un pubblico under 30 - Iscrizioni esaurite

Un Festival che non vuol finire. E un giovane direttore d'orchestra, Andrea Battistoni, 24 anni, che dopo aver trionfato nel piccolo Teatro di Busseto, conquista lo storico palcoscenico del Teatro Regio. Questa sera, infatti, il Festival Verdi chiude ufficialmente con l'ultima replica del Trovatore, ma domani sera, al Teatro Regio, alle 20, ci sarà la messa in scena di Attila, (nello stesso allestimento minimalista di Busseto). Replica, però, riservata agli under 30, con inviti (come ci è stato detto dall'ufficio relazioni esterne del Comune) diramati dal sindaco. Ci è stato anche detto che, esauriti gli inviti del sindaco, lo spettacolo è stato "aperto" alla cittadinanza (sempre a un pubblico giovane) ma che adesso, nel momento in cui mettiamo in rete questa notizia, le "iscrizioni" sono esaurite. Un finale di Festival tutto sommato sorprendente, visto che a questa recita finale di "Attila" non è stata data alcuna pubblicità "ufficiale". Nessuna locandina, nessun accenno nel programma del Festival Verdi, nessun comunicato stampa del Teatro Regio. Comunque, beati i giovani che potranno assistere alla replica (anche se con mini orchestra, e mini coro, ma con un grande giovane direttore, Battistoni - stasera premiato alle 21 dal Club dei 27 - e ottimi interpreti, tra i quali Giovanni Battista Parodi nel ruolo di Attila).
A conferma poi che questa rassegna è dalle sette vite e non vuole fermarsi, possiamo aggiungere che sabato 30, alle 18, nella piazza antistante l'Annunziata si esibiranno le Voci Bianche del Teatro Regio, dirette dal maestro Gabriella Corsaro. Programma con brani dai "Lombardi", "Ernani", "Attila", "Nabucco" ed altri. Anche questo è definito ufficialmente un "evento speciale", fuori dal programma del Festival, anche se dà l'impressione di essere la vera chiusura di tutta la rassegna. Rassegna che così sarebbe durata 30 giorni (o 29 se proprio non vogliamo considerare il concerto delle Voci bianche) contro i canonici 28 giorni (i 27 del numero delle opere di Verdi, più il giorno destinato alla commmemorazione del compleanno del Maestro). In fondo che male c'è? Viva Verdi.
LA PRECISAZIONE "UFFICIALE" Da fonti ufficiali apprendiamo che sono stati sostanzialmente tre i motivi che hanno portato a questa "coda" del Festival. 1) Il grande successo ottenuto dalle "anteprime" di Trovatore e Vespri riservate agli under 30; 2) Il desiderio di offrire anche al pubblico di Parma la rappresentazione di Attila, andata in scena finora solo a Busseto; 3) La conferma di una prassi secondo la quale, diciamo così, "in corso d'opera" ogni anno viene decisa l'organizzazione di un "evento" a chiusura del Festival.

mercoledì 27 ottobre 2010

Il principe Diofebo Meli Lupi di Soragna intervistato dal settimanale "Chi"

DON DIOFEBO
ALLO SPECCHIO
Il settimanale milanese diretto da Alfonso Signorini ha dedicato al principe un servizio di tre pagine - Il giornale è uscito oggi a Milano e domani sarà nelle edicole di Parma - Nell'intervista il nobile parla della sua vita e del fantasma di Donna Cenerina che "abita" nella sua Rocca

Il principe Diofebo VI Meli Lupi di Soragna, già entrato l'11 agosto scorso nella galleria degli intervistati di Pramzanblog, ha un nuovo "palcoscenico", molto più ampio: il settimanale della Mondadori Chi, diretto da Alfonso Signorini, che gli ha dedicato un bel servizio di tre pagine (da pag. 143 a pag. 146). Un'intervista realizzata, alla Rocca di Soragna, da Roberto Allegri, con un servizio fotografico del fratello Nicola Allegri ©. Un'intervista molto interessante, corredata di foto bellissime, nella quale il principe racconta i momenti più importanti della sua vita e svela (non è una novità, ma è una storia sempre misteriosa e avvincente) il suo singolare "rapporto" con il fantasma di una sua antenata, Cassandra Marinoni, familiarmente chiamata "donna Cenerina". Don Diofebo ha però regalato al suo intervistatore di Chi una "primizia". Il principe ha infatti raccontato a Roberto Allegri: "Da un po' di tempo Donna Cenerina si è trovata un "fidanzato" in Scozia e passa lunghi periodi lontana da casa. Ma spesso invita il fidanzato a trascorrere il weekend qui e allora, durante la notte, si sentono meravigliosi concerti di cornamuse". Unica piccola pecca del servizio di Chi (oggi già uscito a Milano, da domani nelle edicole di Parma e provincia) : i due amatissimi cani che vivono nella Rocca di Soragna assieme al principe non si chiamano Pipì e Popò, come scritto in una didascalia, ma Pipì e Pipò. Per la precisione.
(Nelle foto: 1) La prima pagina del servizio (pag. 143) di "Chi"); 2) La seconda pagina (pag. 145)
IN FONDO ALLA HOMEPAGE LE FOTO DI NICOLA ALLEGRI CHE NON VEDETE SU "CHI"

Domani pomeriggio

TANTA MODA
E TANTA MUSICA

AL CIRCOLO
DI LETTURA

Importante appuntamento domani alle 17 al Circolo di Lettura di via Melloni: sfilata di 11 modelle con la collezione autunno - inverno di Pinko e musica con un trio di arpa, flauto e pianoforte - Carla They superstar: arpista e modella - Presenta Francesca Strozzi

Da lustrarsi gli occhi. E un godìo per le orecchie. Domani 28 ottobre, dalle 17 alle 19,30, al Salone San Paolo del Circolo di Lettura di via Melloni (biglietti da Feltrinelli, 20 euro) ci sarà un evento per niente male: "Moda e musica al Circolo di Lettura". Un binomio molto sfizioso, costituito appunto dalla silata di 11 bellissime modelle che indosseranno i capi della collezione autunno - inverno di Pinko e da uno spazio musicale di grande interesse, proposto da un trio d'eccezione: Carla They all'arpa, Rita Terenziani al flauto e Gianluca Faccini al pianoforte. Musiche, bellissime, di Rota, Morricone, Mascagni, Henry Mancini. Organizza la sezione di Parma del Club del Fornello, con una finalità molto meritevole: ottenere i fondi per garantire una borsa di studio per un allievo della scuola di alta cucina ALMA di Colorno. Insomma, come dire: venti euro spesi bene, per uno spettacolo di gran classe e per altro con buffet finale. Due ore e mezzo da non dimenticare. E con una superstar: Carla They, che incanterà con la sua musica e sfilerà anche in passerella. E, ciliegina sulla torta, una presentatrice di grande fascino e bravura, Francesca Strozzi. Che cosa si può volere di più?
(Nelle foto - CLICCARE PER INGRANDIRE - : 1) Carla They all'arpa, 2) Carla They in una sfilata; 3) Gianluca Faccini e Rita Terenziani; 4) Francesca Strozzi)

martedì 26 ottobre 2010

Una foto, una storia -118-

LE NOZZE "CAMPAGNOLE"
DI ORIETTA BERTI

Nel 1967 Orietta Berti era già famosa. Aveva già vinto un "Disco per l'estate" e aveva già partecipato a due Festival di Sanremo. Era popolare in tutta Italia e molto amata anche dai parmigiani, perché a Parma era di casa, era cliente di vari negozi e aveva molti amici. Così anche i parmigiani seguirono con interesse e commozione le nozze di Orietta con Osvaldo Paterlini, che ebbero luogo all'Abbazia della Pietra di Bismantova. Per rivedere Orietta "sposina" basta cliccare qui sotto e leggere la nuova puntata della rubrica "Una foto, una storia", a firma Gion Guti.
☞ LE NOZZE DI ORIETTA

lunedì 25 ottobre 2010

Il delitto che ha sconvolto Busseto

BERGONZI, CASSI
E TUTTA BUSSETO,
RICORDANO
IL MEDICO UCCISO
Busseto si è fermata per la tragedia di ieri pomeriggio: il dottor Claudio Carosino, 59 anni, uno dei medici di famiglia più conosciuti e più amati della Bassa, è stato ucciso a fucilate da un suo anziano paziente - Pramzanblog ha raccolto le commosse reazioni di alcuni suoi concittadini: il grande tenore Carlo Bergonzi, il direttore di coro e d’orchestra Fabrizio Cassi, il vicepresidente dell’associazione “Aiuto Minori Terzo Mondo” Ezio Concari e la gente comune

di ACHILLE MEZZADRI
Un medico di campagna. Un grande medico di campagna. Come i medici di una volta. Quelli che erano disponibili a tutte le ore, che erano sempre pronti ad accorrere al capezzale di un paziente. Senza segreteria telefonica sul cellulare con l’insopportabile gnòla “il dottore è assente, chiamare la guardia medica”. Ecco chi era Claudio Carosino, il dottor Claudio Carosino, ucciso a fucilate da un suo anziano paziente, Gianni Scaglioni, 78 anni, ieri, alle cinque e mezzo del pomeriggio.
Sui particolari della sua tragica fine Pramzanblog ha poco da aggiungere, anche perché i giornali, le radio e le Tv hanno già detto tutto. Possiamo solo ricordare che il dottor Carosino ha risposto a una chiamata urgente del suo paziente, che negli ultimi tempi aveva visto abbastanza spesso, e quando questi è arrivato a casa sua è stato accolto con un fucile da caccia spianato. Un colpo, forse due. Una vita spezzata. Ora Busseto si è fermata. Sconvolta. La gente......
(Nelle foto: 1) Il servizio di Gazzettadiparma.it; 2) Il servizio di Parma.Repubblica.it; 3) Carlo Bergonzi; 4) Fabrizio Cassi)
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO
su gazzetta.it
su parma.repubblica.it
su parmaok.it
su parmaoggi.it