O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 11 settembre 2010

Una foto, una storia -98-

E UN UOMO SPOSÒ
IL COGNATO
DIVENTATO DONNA
Cose che capitano. Soprattutto adesso. Ma nel 1987 certi "eventi" facevano ancora scandalo e si possono immaginare i pettegolezzi che scossero la quiete di San Secondo e della Bassa intera quando un operaio, nel Salone delle Feste della Rocca, sposò Maria. Detta così non ci sarebbe niente di strano, fatto sta che Maria, prima di un'operazione, era un uomo ed era addirittura suo cognato... Giovanni Ferraguti, il "curioso della cronaca", testimoniò anche questo "evento" e ora la foto la potete rivedere nella sua bella rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni firma con lo pseudonimo di Gion Guti.

Nessun commento: