O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 10 settembre 2010

Una foto, una storia -97-

DALL'IRLANDA
E DAGLI USA
PER LA CHIESA DI
SAN PATRIZIO
A Parma ci sono tante chiese bellissime. Ovviamente il Duomo e San Giovanni, famosissime in tutto il mondo per gli affreschi di Correggio, ma anche San Vitale e tante altre. Una delle più note a livello internazionale è però la moderna Chiesa di San Patrizio, in via Lanfranco. Il 20 marzo 1966, quando fu inaugurata, intervennero perfino il Primate della Chiesa Cattolica d'irlanda e un rappresentante dei Kennedy, famiglia di origine irlandese, visto che San Patrizio è il Patrono d'Irlanda. All'evento dedicò un'intera pagina il quotidiano irlandese Sundy Indipendent. Giovanni Ferraguti, il curioso della cronaca, la fotografò e ora potete vederla nella rubrica "Una foto, una storia", a firma Gion Guti.

Nessun commento: