O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 9 settembre 2010

Una foto, una storia -96-

E ARRIVÒ PETRA
A FAR VENIRE
LE VERTIGINI
AI PARMIGIANI
Dopo i fasti di Tamara negli anni Sessanta, una ventina d'anni dopo arrivò un'altra bellezza a far venire le vertigini ai maschietti parmigiani: Petra Scharbach. Come dice il nome, non era parmigiana, ma tedesca, però abitava a Parma con la mamma e nella nostra città non ci fu uomo che non si voltò al suo passaggio. Si parlò anche di un flirt, mai confermato (e forse una bufala) con Tino Asprilla, divo del Parma calcio. Ovviamente Giovanni Ferraguti, il "curioso della cronaca", non si lasciò sfuggire, professionalmente parlando naturalmente, un "bocconcino" così e ora possiamo vedere uno dei suoi "scatti" a Petra nella rubrica "Una foto, una storia", che Giovanni firma con lo pseudonimo di Gion Guti.

Nessun commento: