O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 7 settembre 2010

Una foto, una storia -94-

QUANDO IN BORGO
DEL NAVIGLIO
SI FACEVA
IL BUCATO A MANO
Bei tempi, gli anni Sessanta. E ancor più i primi, quelli del boom economico, della ripresa dopo i guasti della guerra. Molte famiglie, anche a Parma, potevano "farsi" la prima automobile, magari un'utilitaria. Nelle case entravano i frigoriferi, le lavatrici... Ma il passaggio "verso il futuro" avvenne comunque per gradi. Mentre molte famiglie parmigiane si dotavano della lavatrice, molte altre continuavano invece alla vecchia maniera. E così alle fontane si potevano trovare ancora le "lavandaie", donne che facevano il bucato per strada. Come una signora che Giovanni Ferraguti, il "curioso della cronaca", scovò in borgo del Naviglio. Se ne volete sapere di più leggete la nuova puntata di "Una foto, una storia", a firma Gion Guti. Cliccate qui sotto.

Nessun commento: