O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 25 settembre 2010

Una foto, una storia -105-

QUEL GIOVANOTTO
COI BAFFI
CHE FECE LA GAVETTA
A RADIO PARMA
Capelli neri, baffi, occhiali, corporatura normale: negli anni Settanta c'era a Radio Parma un giovanotto del Pilastro con queste caratteristiche. Laureato in filosofia, conduceva una trasmissione musicale di successo, nella quale dialogava con gli ascoltatori. Aveva già molti "fedelissimi", ma erano ancora i tempi della gavetta. Il giovanotto in questione, infatti, da Radio Parma spiccò il volo e grazie all'invenzione di un personaggio simpatico e autoironico, divenne una star, con un esercito di fans. Prima che spiccasse il volo Giovanni Ferraguti fotografò quel giovanotto del Pilastro a Radio Parma e ora quella foto è un documento. La riproponiamo nella rubrica "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti. Per leggerla e per scoprire chi era quel giovanotto, basta cliccare qui sotto.

Nessun commento: