O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 16 settembre 2010

Una foto, una storia -101-

LA CARRIERA TRAVOLGENTE
DI MISS CINEMA 1997
Gli storici di Miss Italia sanno tutto dell'edizione del 1997, ma forse la gente comune farà fatica perfino a ricordare che fu Claudia Trieste a indossare la fascia più importante. Quel concorso però, condotto per la decima volta da Fabrizio Frizzi, fu un in certo senso "storico", perché arrivarono a contendersi il titolo ragazze che poi hanno fatto molta strada. Come per esempio Christiane Filangieri (seconda classificata) e Caterina Murino (quinta), diventate entrambi attrici affermate, o Vincenza Cacace, che ha fatto una bella carriera in Tv. Una però, sesta classificata e premiata con la fascia di Miss Cinema, ha fatto anche di più... Giovanni Ferraguti, quando la fotografò assieme alle altre premiate, nel 1997, non poteva immaginare quale sarebbe stata la svolta della sua vita. E ora ripropone quella foto nella sua rubrica "Una foto, una storia", che firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Se avete capito di chi si tratta, andate a vedere la foto. Se non avete capito di chi stiamo parlando, leggete comunque la rubrica per scoprire chi fu la Miss Cinema di 13 anni fa. Cliccate qui sotto.

Nessun commento: