/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

martedì 28 settembre 2010

Speciale Festival Verdi - Di tutto e di più all'anteprima del "Trovatore"

SORPRESA: LEO NUCCI
AL POSTO DI SGURA
(TRACHEITE E FEBBRE)
L'anteprima del "Trovatore", l'opera che inaugurerà il 1° ottobre il festival Verdi, è andata in scena con Leo Nucci nel ruolo del Conte di Luna, al posto di Claudio Sgura, colpito all'improvviso da tracheite e a letto con la febbre - Anche Norma Fantini (Leonora), indisposta, è stata sostituita da Teresa Romano - Marcelo Álvarez si è lamentato con un poderoso "cacchio" a causa di un fumo eccessivo e fastidioso al termine della celebre "Di quella pira" - Poi ha fatto venire giù il teatro con "Allarmi" - Strepitosa la direzione di Yuri Terminakov - Le prime impressioni del nostro inviato Paolo Zoppi
Di tutto e di più. Sorprese a non finire questo pomeriggio all'anteprima del "Trovatore", l'opera che inaugurerà il Festival Verdi venerdì 1° ottobre. Nessuno si aspettava infatti di vedere in scena, nel ruolo del Conte di Luna, il baritono bolognese - pramzàn Leo Nucci, grande beniamino del pubblico di Parma. Nucci, che ieri sera era stato premiato con L'albero d'argento all'Arca della Cultura Museo Agorà Orsi Coppini a San Secondo, è stato "tirato giù dal letto", si fa per dire, alle 14, con la comunicazione che all'anteprima avrebbe dovuto cantare lui e che sarà lui il Conte di Luna dell'inaugurazione del Festival Verdi. Nucci, si sa, è un generoso, e si è presentato al Regio con gli abiti che aveva indossato la sera prima. Nemmeno in tempo di indossare gli abiti di scena. Ma sentiamo che cosa ci ha detto, alla fine dell'anteprima, il nostro critico musicale, Paolo Zoppi.
"Innanzitutto c'è stata, appunto, la grande sorpresa dell'improvvisa indisposizione di Claudio Sgura, che è stato colpito da tracheite ed ha la febbre. Nucci l'ha sostituito in modo egregio e, come sempre, ha fatto venire giù il teatro, soprattutto con "Il balén del suo sorriso". Ma c'è stata anche la sorpresa di Teresa Romano, che nei panni di Leonora ha sostituito Norma Fantini, anche lei indisposta. Ma mentre per Sgura è quasi certo, almeno secondo quanto risulta anche dal sito ufficiale del Regio, che non sarà pronto per il 1° ottobre, la Fantini è ancora in cartellone. Vedremo. Poi c'è stato anche un piccolo colpo di scena alla fine del terzo atto, dopo "Di quella pira" che Marcelo Álvarez ha cantato da par suo. Dalla "pira" è uscito un fumo fastidioso, troppo violento, che ha fatto indispettire il tenore. "Cacchio", ha gridato Álvarez e si è rivolto polemicamente alla regia, indicando la gola. Troppo pericoloso cantare con quel fumo, troppo realistico. Il problema è che l'uscita del fumo non era stata provata precedentemente.
(Nelle foto: 1) Il baritono Leo Nucci; 2) Claudio Sgura; 3) Marcelo Álvarez; 4) Il programma del "Trovatore", con l'inserimento di Leo Nucci (sorprendentemente chiamato Nuci con una sola "c") per la "prima" del 1° ottobre)

1 commento:

Anonimo ha detto...

poter dire C'ero! che soddisfazione e che bellezza, la mia prima volta al Regio.

Paola