O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


martedì 31 agosto 2010

Una foto, una storia -89-

QUANDO IL FERRAGOSTO
SI FESTEGGIAVA
ANCORA SOTTO CASA
Tornati tutti a casa i parmigiani che hanno festeggiato il ferragosto lontano da casa? In linea di massima, sì. Anche quest'anno, nonostante la crisi, sono stati tanti. Mete esotiche, mete europee, tanti bagni, tanto sole, magari anche tanti flirt... Ed ora a raccontare a parenti ed amici le "avventure ferragostane" lontano da casa. Ma non è sempre stato così. Prima dell'avvento dei villaggi "tutto compreso" e dei viaggi low cost, molti parmigiani il ferragosto lo festeggiavano sotto casa. Lo dimostra la foto della puntata odierna di "Una foto, una storia", che Giovanni Ferraguti firma con lo pseudonimo di Gion Guti. Per leggerla e per vedere come si festeggiava nel 1965, basta cliccare qui sotto.

Nessun commento: