O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 18 agosto 2010

Una foto, una storia -79-

DA REGINA
DEL GIAVELLOTTO
A "VIGILESSA"
Negli anni Ottanta la parmigiana Fausta Quintavalla era una delle più brave e amate atlete italiane. La sua specialità era il giavellotto, disciplina con la quale ha conquistato otto titoli italiani, ha partecipato a due Olimpiadi ed è stata anche primatista italiana. Molto amata dagli appassionati di sport, poi molto meno dai trasgressori del codice della strada. Fausta infatti, appese le scarpette d'atletica al chiodo, è entrata a far parte della polizia municipale e come vigilessa dispensa multe con severità. Giovanni Ferraguti la inserisce oggi nella sua galleria di "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti, nella veste che l'ha resa popolare, quella di regina del giavellotto. Per saperne di più cliccate qui sotto.

Nessun commento: