O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 10 agosto 2010

Una foto, una storia -74-

QUANDO COSSIGA
INCONTRÒ
IN SCOZIA
GLI EMIGRATI
VALTARESI
Questa è una puntata straordinaria di "Una foto, una storia" firmata da Gion Guti. Riguarda infatti un incontro che Francesco Cossiga, allora presidente della Repubblica, fece nell'ottobre del 1990 a Edimburgo, con gli emigrati della Valtaro in Scozia. La pubblichiamo proprio nelle ore in cui il presidente emerito della Repubblica, che ha compiuto 82 anni il 26 luglio, lotta per la vita nel centro di rianimazione del Policlinico Gemelli di Roma. Un omaggio pramzàn all'ex "picconatore" che non mancò di fare le sue celebri "esternazioni"anche in quell'ottobre del '90, in Scozia. Ma quando si sedette a tavola con i valtaresi lasciò da parte le sue picconate ed ebbe parole di grande stima nei confronti dei nostri emigranti. Per saperne di più e vedere le foto, cliccate qui sotto.

Nessun commento: