O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 5 agosto 2010

Una foto, una storia -71-

E UN GIORNO UNA DONNA
ABBRACCIÒ I "DU BRASSÈ"
Tutti sanno che la statua dei "Du Brassè" (Ercole e Anteo), opera seicentesca di Theodor Van der Sturck, è uno dei simboli della città. Tutti sanno che l'originale non si trova più, da molti anni, a ridosso del Palazzo Comunale, ma nel cortile di palazzo Cusani (Casa della Musica). Non tutti sanno però, in particolare i giovani, perché l'originale non si trova più dov'era fino al 1982. E come mai, scesi dal loro piedestallo, una donna abbracciò i "Du Brassè", come dimostra la foto di Giovanni Ferraguti nella rubrica "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti. Che cosa accadde allora? E chi era quella donna? Per saperlo basta cliccare qui sotto.

Nessun commento: