O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 29 luglio 2010

Una foto, una storia -68-

500 ORE IN MOTO
Che cosa non si fa quando lo scopo è nobile. Nel settembre del 1986 nel reparto pediatrico dell'Ospedale maggiore c'era un gran bisogno di un letto termico, ma la cifra per l'acquisto era considerevole, 22 milioni di lire. Allora due parmigiani, Norberto Naummi e Roberto Ghillani hanno aguzzato l'ingegno e, sfruttando la loro passione per la moto, hanno "inventato" un'impresa coperta da sponsor per una cifra che corripondesse al costo del letto termico: la "500 ore in moto" sul circuito automobilistico di Varano Melegari. L'impresa andò in porto e quindi l'obiettivo fu raggiunto. Per conoscere altri particolari basta leggere la rubrica Una foto, una storia a firma Gion Guti. Cliccate qui sotto.

3 commenti:

Maganuco ha detto...

Norberto Naummi e chi???

ACHILLE MEZZADRI ha detto...

Il secondo nome, dimenticato, è Roberto Ghillani. Grazie!!!

ACHILLE MEZZADRI ha detto...

Ma nel testo in pdf c'era, per fortuna... Comunque, grazie ancora.