O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 14 luglio 2010

PRAMZANBLOG IN SEMI-FERIE / Una foto, una storia -55-

QUANDO LA COLLA
CONQUISTÒ L'AMERICA
Nel settembre del 1989 Mara Colla era sindaco socialista di Parma da soli due mesi, da quando cioè aveva sostituito Lauro Grossi, scomparso improvvisamente. Ma fu subito chiamata a un viaggio di rappresentanza molto importante: fu invitata infatti da tre sindaci di altrettante città del New Jersey, Bayonne, Princeton e Jersey City per parlare di Parma e del modo con cui si governa una città europea di medie dimensioni. La Colla fece un'ottima figura e Giovanni Ferraguti, che l'aveva seguita negli Stati Uniti per la "Gazzetta di Parma", immortalò anche il momento in cui ricevette le chiavi della città dal sindaco di Bayonne, Dennis Mc Collins. Trovate la foto nella nuova puntata di "Una foto, una storia" di Giovanni Ferraguti, "nascosto" come sempre dallo pseudonimo di Gion Guti. Cliccate qui sotto.

Nessun commento: