O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 13 luglio 2010

PRAMZANBLOG IN SEMI-FERIE / Una foto, una storia -54-

I SALOTTI
DI "PARMA
BELL'ARMA"
Dal 1963 al 1972 furoreggiò nella nostra città una rivista, una strenna natalizia che entrò nel cuore dei parmigiani: "Parma bell'arma", fondata da Aldo Curti (che la firmò come direttore), Giorgio Gandolfi, Tiziano Marcheselli e Corrado Corti. Tra i collaboratori ci fu anche, per sette anni, il "papà di Pramzanblog", Achille Mezzadri e, ovviamente, Giovanni Ferraguti, il "curioso della cronaca", che imperversò su quelle pagine con molte bellissime foto. Come quelle dei "salotti - bene" che facevano a gara per conquistarsi un "momento di gloria" nella strenna più amata dai parmigiani. In questa puntata di "Una foto, una storia" a firma di Gion Guti, Giovanni Ferraguti ci propone un gruppetto di belle ed eleganti signore. Le riconoscete? Per scoprirlo basta cliccare qui sotto e vedere la nuova puntata.

Nessun commento: