O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 12 luglio 2010

PRAMZANBLOG IN SEMI-FERIE / Una foto, una storia -53-

PIAZZALE SANTA CROCE
PRIMA DI CASCELLA
Per carità, non erano un capolavoro dell'arte, ma le fontane di piazzale Santa Croce, che sono state poi soppiantate dall'attuale "monumento a Pietro Barilla", opera eseguita da Pietro Cascella (1921 - 2008) hanno suscitato in molti parmigiani un po' di nostalgia. Perché erano semplici, ma davano un'atmosfera di poesia in inverno e tanto refrigerio e allegria in estate. Dopo la scomparsa di Pietro Barilla (avvenuta nel 1993) hanno però dovuto arrendersi all'arrivo del monumento che lo stesso Barilla aveva commissionato allo scultore con l'intenzione di farlo chiamare "monumento alla via Emilia". Per saperne di più e rivedere le fontane basta vedere la nuova puntata di "Una foto, una storia" di Giovanni Ferraguti, "nascosto" come di consueto sotto lo pseudonimo di Gion Guti.

Nessun commento: