O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 10 luglio 2010

Una foto, una storia -52-

LA BATTAGLIA
CONTRO
GLI STORNI
La puntata di oggi di "Una foto, una storia", di Giovanni Ferraguti (che si firma com'è noto con lo pseudonimo di Gion Guti) è la testimonianza dell'attivismo, e della popolarità, di Lauro Grossi, il sindaco che dal 1980 fino alla sua scomparsa, avvenuta nel 1989, seppe farsi amare dai parmigiani. La foto di oggi ritrae infatti Grossi, assieme alla moglie Rita, in un ristorante, servito da un cameriere con la maschera antigas. Come mai? I titolari degli esercizi commerciali di piazzale Dalla Chiesa e di viale Bottego non ne potevano più delle migliaia di storni che portavano un odore irrespirabile. Il sindaco Grossi volle verificare di persona e poi il Comune prese una decisione. Quale? La conoscerete leggendo la puntata. Cliccate qui sotto.

Nessun commento: