O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 6 luglio 2010

Una foto, una storia -50-

CHE CALDO CHE FA:
IN BIKINI
IN VIALE RUSTICI
Luglio, tempo di canicola. Anche a Parma. Ogni anno si sente dire, dalla "vox populi": "Non c'è mai stato un caldo così". Ma le statistiche parlano chiaro: la punta più alta di caldo a Parma, in luglio, fu raggiunta nel 1983 (40,2) e in agosto nel 1998 (37,9). Anche nel 1967, però, l'estate fu tosta e Giovanni Ferraguti, per la "Gazzetta di Parma", immortalò una scenetta molto divertente: due belle ragazze, uscite dalla piscina Coni, poi demolita, decisero di fare una passeggiata sul LungoParma, in viale Rustici. Siete curiosi di vedere le due belle ragazze e magari riconoscerle 43 anni dopo? Basta cliccare qui sotto e andare a vedere la nuova puntata di "Una foto, una storia" di Giovanni Ferraguti, "nascosto", si fa per dire, dallo pseudonimo di Gion Guti.

Nessun commento: