O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 22 luglio 2010

PRAMZANBLOG IN SEMI-FERIE / Una foto, una storia -63-

SPOSI PARMIGIANI
A LUBIANA
Lubiana, la capitale della Slovenia, è stata una delle prime, se non la prima, città gemellate con Parma. E già negli anni Sessanta le due città furono legate da un'antica tradizione slovena, le "nozze rustiche". Così ogni anno coppie parmigiane venivano invitate in Slovenia, che allora faceva ancora parte della Jugoslavia, e partecipavano, in costume, a queste "nozze rustiche". Nella puntata odierna di "Una foto, una storia", Giovanni Ferraguti, che firma la rubrica con lo pseudonimo di Gion Guti, ci fa vedere Luca Casaro e Raffaella Giorni, i due giovani sposi parmigiani che parteciparono alle "nozze rustiche" nel 1987. Per vedere gli sposi basta cliccare qui sotto.

2 commenti:

e.piovani ha detto...

non è che tra l'altro sono i genitori di Sara Cesaro di Viarolo nuova miss Parma? Come date potrebbero anche coincidere....

ACHILLE MEZZADRI ha detto...

Casaro, Cesaro. Mah