O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 20 luglio 2010

PRAMZANBLOG IN SEMI-FERIE / Una foto, una storia -61-

I QUATTRO PIÙ QUATTRO
DI FOSCA BIAVARDI
Il 1980 fu un anno prolifico, in Italia, per quanto riguardava i parti plurigemellari. L'11 gennaio nacquero, a Firenze, i sei gemelli Gianni di Soci (Arezzo) e Achille Mezzadri (il papà di Pramzanblog) si assicurò l'esclusiva mondiale per il settimanale "Gente". Ma anche Parma, o meglio, Neviano Arduini, nello stesso anno entrò nel Guinness dei primati dei parti plurimi perché il 10 dicembre nacquero i quattro gemellini Biavardi, Luca, Elisa, Francesca e Eugenia. Ancora "Gente" si occupò a livello nazionale di questo parto plurimo (ovviamente oltre alla "Gazzetta") perché i gemellini Biavardi avevano quattro sorelle: i quattro più quattro di Fosca Biavardi. Per saperne di più cliccate qui sotto e leggete la rubrica "Una foto, una storia" di Gion Guti.

2 commenti:

e.piovani ha detto...

e qui non posso non intervenire.... I quattro gemellini (e ovviamente anche gli altri quattro e tutto il resto della famiglia) sono miei parenti... Bellissima famiglia!

ACHILLE MEZZADRI ha detto...

E vai! Sono stato a casa loro e poi a Roma con loro...