O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 7 luglio 2010

L’ex sindaco nel ricordo del figlio

“MIO PADRE,
STEFANO LAVAGETTO”
Cinque anni fa, il 7 luglio, scompariva l’uomo che aveva guidato il governo della città in due riprese, dal 1992 al 1994 e dal 1994 al 1998 – “Riuscì a far coesistere la sua attività pubblica con gravi problemi di salute: è stato in dialisi per vent’anni”, dice il secondogenito, l’avvocato Lorenzo - “Tra di noi c’era un legame molto forte” - “Nel ’94 lo aiutai nella campagna elettorale: facevo interviste telefoniche” – “Mi ha trasmesso la passione per il modellismo: insieme costruivamo trenini e ferrovie” -“Papà ci rendeva partecipi delle battaglie politiche” - “Era tifoso della Juventus, ma amava anche il Parma” - “Era appassionato di lirica e sinfonica e in casa parlava anche in dialetto”

di ACHILLE MEZZADRI
Cinque anni. Sono trascorsi cinque anni da quando è scomparso Stefano Lavagetto, due volte sindaco di Parma, dall’8 agosto 1992 al 13 marzo 1994 e dal 29 giugno 1994 all’8 giugno 1998. Sindaco in tempi non facili, da Tangentopoli in poi, tempi di grandi rivoluzioni nella politica italiana. Prima comunista, poi pidiessino, sempre con una passione politica salda e poco incline ai compromessi. Per tanto, troppo tempo, alle prese con seri problemi di salute (una nefropatia) che l’hanno obbligato alla dialisi per vent’anni, dal 1985 fino alla fine. Per ricordare quest’uomo che, si può dire, è stato l’ultimo baluardo di “Parma la rossa”, ci siamo rivolti a uno dei suoi figli, Lorenzo, il secondogenito, 38 anni, avvocato.
Suo padre era parmigiano, ma trascorse parte della sua gioventù a Roma. Come mai?
Sì, papà era nato a Parma il 29 marzo 1935 e qui aveva frequentato le scuole primarie e secondarie. Poi mio nonno......
(Nelle foto: 1) Lorenzo Lavagetto; 2) Stefano Lavagetto)

Nessun commento: