O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


domenica 11 luglio 2010

Intervista di compleanno con Alberto Michelotti

I MIEI PRIMI OTTANT’ANNI
Il grande “Albertone”, anima oltretorrentina, personaggio molto amato dai parmigiani, compie 80 anni il 15 luglio e in vista di questo importante traguardo, raggiunto con lo spirito e l’energia di un ragazzino,
Pramzanblog ha raccolto i suoi pensieri sui temi più diversi, dall’Oltretorrente alla solidarietà, dalla Parma voladóra all’amicizia - Ne è uscito un ritratto che è l’ennesima prova di come Alberto sia un uomo straordinario e irripetibile
di ACHILLE MEZZADRI
MICHELOTTI E L’OLTRETORRENTE Il mio rapporto con l’Oltretorrente è un rapporto vitale, sanguigno. Sono nato lì, e cuand a gh vagh a sént al calór de la me génta. Sono nato in quei borghi, lì sono stato bambino e ragazzo, lì è rimasta la mia anima.
MICHELOTTI E LA SOLIDARIETÀ La solidarietà è un bel valore, sai. Ti fa sentire un uomo vero. Io non amo tanto parlare delle cose che ho fatto per gli altri, ma nemmeno me ne vergogno, ovviamente. Per esempio, ho fondato la sezione Adas Schiaffino. Schiaffino l’era un ragas ch’al lavoräva in officina con mi. E’ morto in un incidente in montagna. Nel suo nome ho creato questo gruppo di donatori di sangue.E poi mi sono dato da fare, in passato, anche per i mutilatini di don Gnocchi. Giocavamo con loro, nel cortile dell’istituto, bellissime partite di calcio. Gioivo nel vedere i volti felici di quei ragazzi con i quali il destino non era stato amico. Mi ricordo che a quel tempo c’era un giocatore del Parma, Regali, ch’al gh’äva sémpor mäl da cuälca pärta. Al gh’äva j óv atàca al cul… Lo portai lì, dai mutilatini, e.......

Nessun commento: