O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 26 giugno 2010

Una foto, una storia -46-

L'ULTIMA LINOTYPE
DELLA "GAZZETTA"
Molti linotipisti, cioè i tipografi che componevano i testi dei giornali usando piombo fuso con le linotype, hanno fatto una brutta fine, nonostante l'antidoto del latte bevuto regolarmente per limitare i danni delle inalazioni di piombo. E così tirarono un respiro di sollievo i linotipisti della "Gazzetta di Parma" (e quelli degli altri giornali, naturalmente) quando all'inizio degli anni Settanta dalla sede del giornale, in via Emilio Casa, uscì l'ultima linotype. Cominciava l'era dell'offset e dietro l'angolo c'era già la rivoluzione elettronica, l'era dei computer. Giovanni Ferraguti ovviamente testimoniò il pensionamento dell'ultima linotype della "Gazza" e ora la fotografia la potete vedere nella rubrica "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti. Basta cliccare qui sotto.

Nessun commento: