O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 24 giugno 2010

Una foto, una storia -45-

IL SUPERSTITE
DI CEFALONIA
Adesso, splendido ultraottantenne, va nelle scuole di Parma a raccontare agli alunni che cosa accadde davvero nel settembre del '43 a Cefalonia, l'isola greca che fu tragico teatro di una delle pagine più nere della seconda guerra mondiale. Si chiama Mario Pasquali, è parmigiano, e ha la fortuna di poter raccontare quei giorni. Ma allora scampò per curo caso alla strage (furono sterminati dai tedeschi, dopo l'8 settembre, più di 9mila soldati italiani): era già davanti al plotone di esecuzione nazista, quando provvidenzialmente passò un camion e lui riuscì a fuggire. Per saperne di più di quei giorni basta leggere la pagina della rubrica di Gion Guti "Una foto, una storia", cliccando qui sotto.

1 commento:

pramzanserass ha detto...

Un sentitissimo grazie Sig. Pasquali.