O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént.


martedì 22 giugno 2010

Una foto, una storia -44-

LA ROZÄDA DELL'86
Una tradizione che unisce i parmigiani come la nazionale di calcio unisce gli italiani: la rozäda 'd San Zvàn, la Rugiada di San Giovanni, magica sera di inizio estate nella quale i parmigiani aspettano la rugiada ingozzandosi di tortelli d'erbette. Non a caso "l'evento" viene chiamato anche "tortellata". Di tortellate pantagrueliche sono pieni gli archivi, anche quello di Giovanni Ferraguti, che per la rubrica "Una foto, una storia", a firma di Gion Guti, ha trovato una magica "rozäda" del 1986, in borgo del Correggio, proprio sotto il campanile di San Giovanni. Per i particolari, e per vedere la foto, cliccate qui sotto.

Nessun commento: