O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 17 giugno 2010

Una foto, una storia -42-

COSÌ SI UCCIDONO
I MAIALI
A FIN DI BENE
Quando nelle campagne di Coloreto, a due passi da Parma, nel luglio 1986 arrivò l'afta epizootica, una malattia infettiva che si diffonde tra varie specie animali, tra cui bovini, ovini e suini, l'allarme fu altissimo. Il virus infatti sta in incubazione una settimana e si diffonde molto velocemente. Così il medico provinciale decise l'abbattimento di varie centinaia di animali. Giovanni Ferraguti, il curioso della cronaca, documentò questa strage "necessaria". Immagini crude, che però davano impietosamente il senso di quello che stava accadendo nelle campagne vicino a Parma. Chi se la sente di vedere come avvenne l'abbattimento di tanti poveri maiali, può aprire la pagina della rubrica di Gion Guti "Una foto, una storia", cliccando qui sotto.

Nessun commento: