O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 15 giugno 2010

Una foto, una storia -41-

"PARMA ALIMENTARE"
PRESE
PARIGI PER LA GOLA
Nel 1979 "Parma alimentare", il consorzio allora guidato dall'indimenticabile avvocato Giorgio Bernardini, aveva solo tre anni di vita, ma era già una realtà che conquistava il mondo promozionando le specialità gastronomiche del nostro territorio. In quell'anno svolse la sua "missione" a Parigi, in concomitanza con l'inaugurazione del Forum des Halles, il grande centro commerciale costruito sull'area dei vecchi mercati generali. Giovanni Ferraguti, il curioso della cronaca, non poteva mancare a questa trasferta e immortalò un brindisi a tavola, con personaggi eccellenti. Chi erano? Per saperlo basta leggere la nuova puntata della rubrica di Gion Guti "Una foto, una storia", cliccando qui sotto.

Nessun commento: