O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


sabato 12 giugno 2010

Una foto, una storia -40-

BIG LUCIANO
GIOCÒ A BOCCETTE
ALLA PRO PARMA
Luciano Pavarotti, nel 1985, fu protagonista a Parma di un concerto tutto particolare. No, non cantò, per un improvviso problema di voce, ma dopo aver ricevuto il premio "Violetta", assegnatogli dal circolo Pro Parma, trascorse un'intera giornata con i soci di quella associazione, per giocare a biliardo. Non a stecche, ma a boccette. E fece anche una gran bella figura. Giovanni Ferraguti era ovviamente presente e immortalò questo particolare "concerto" di Big Luciano. Per i particolari, e soprattutto per vedere la foto del tenore impegnato in una partita a boccette, nella pagina della rubrica di Gion Guti "Una foto, una storia", basta cliccare qui sotto.

Nessun commento: