O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 8 giugno 2010

Una foto, una storia -38-

IL "GIALLO"
DI KATHARINA
MIROSLAWA
Parma in prima pagina, il 9 febbraio 1986, per il delitto dell'industriale Carlo Mazza, trovato morto nella sua automobile, ucciso da due colpi di rivoltella. Comincia il "giallo" di Katharina Miroslawa, ballerina polacca, donna bellissima, amante del Mazza, considerata la "mente" del delitto per intascare un'assicurazione sulla vita di un miliardo di lire stipulata a suo favore della vittima. Lei si è sempre proclamata innocente, ma in Cassazione fu definitivamente condannata a 21 anni. Condannati anche il marito Witold e il fratello Zibi. Per conoscere altri particolari basta leggere la rubrica di Gion Guti "Una foto, una storia" e cliccare qui sotto.

Nessun commento: