O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 3 giugno 2010

Una foto, una storia -36-

L'ULTIMO MARTINI
ALLA PASTICCERIA BIZZI
Dal 1984 il centro di Parma non è stato più lo stesso. Perché in quell'anno perse il "cuore", la storica pasticceria Bizzi, in piazza Garibaldi all'inizio di via Cavour. Un luogo molto amato da tutti i parmigiani. Di lì erano passate in pratica tutte le famiglie di Parma. E letterati, imprenditori, giornalisti, politici. Giovanni Ferraguti ha fotografato parecchie volte, nella sua carriera, la Pasticceria Bizzi e la ricorda adesso anche sotto le spoglie di Gion Guti, nella sua rubrica "Una foto, una storia". Ma chi fu l'ultimo, o l'ultima cliente, che nella storica pasticceria ordinò l'ultimo Martini? E chi, lo servì? Per saperlo basta cliccare qui sotto.

1 commento:

pramzanserass ha detto...

Grazie.L' articolo e' un tuffo al cuore.La foto il perpetuarsi di un bellissimo ricordo.