O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


martedì 1 giugno 2010

Una foto, una storia -35-

IL TEMPIO DELLO STRIP
Dall'avanspettacolo al varietà, dal varietà all'avanspettacolo. Un avant-indré che poi è andato solo "indré" per ridursi a una sfilza di strip. Questo il percorso: dal Teatro Ducale, dove arrivarono fior di compagnie, da Rascel a Walter Chiari , per arrivare al Cinema Ritz, in via Venezia, con spettacolini di avanspettacolo, pieni di strip. I primi strip, con "ballerine" spesso cellulitiche, adatte a un pubblico di bocca buona. Giovanni Ferraguti non poteva ignorare anche questo tempio dello strip, ed ora ce lo ripropone, come Gion Guti, nella sua rubrica "Una foto, una storia". Per vedere la foto e saperne di più, basta cliccare qui sotto.

Nessun commento: