/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 18 giugno 2010

Rugby: raggiunto l'accordo tra le due società

PARMA - NOCETO: È FATTA
(MANCA SOLO LA FIRMA)
Questione solo di qualche giorno e a Parma, in uno studio notarile, sarà siglato l'accordo ufficiale tra Rugby Parma e Rugby Noceto per la nascita di una nuova società - Presidente Luigi Villani, vicepresidente Bernardo Borri, direttori sportivi Salvatore Sau e Giorgio Prati, allenatore Filippo Frati - Ancora da definire il nome: ora sembra in pole position "Rugby Ducale"
di ACHILLE MEZZADRI
Questo matrimonio s'ha da fare (ha sempre sostenuto la FederRugby) e si farà. Finalmente, dopo tanti tentennamenti, dopo infinite amichevoli discussioni, dopo incontri diventati quasi quotidiani, è stato raggiunto l'accordo tra la Rugby Parma e il Rugby Noceto, che daranno vita a una nuova società. Manca solo la firma ufficiale, che avverrà presso uno studio notarile di Parma la settimana prossima, ma ormnai sembrano non esserci più ostacoli. Solo il nome della nuova società non è stato ancora deciso definitivamente, ma è in pole position "Rugby Ducale". Però tutto il resto è ok: presidente Luigi Villani, nocetano, consigliere regionale, che ha accettato molto volentieri l'incarico, vicepresidente Bernardo Borri (appena nominato presidente della Rugby Parma), direttori sportivi Giorgio Prati (del parma) e Salvatore Sau (del Noceto), allenatore Filippo Frati, che ha guidato il Noceto a due promozioni consecutive. Definiti anche i consiglieri, tre per parte e anche i luoghi dove verranno giocate le partite: quelle europee della Challenge Cup al XXV aprile, quelle di campionato metà e metà, a Parma e al Nando Capra di Noceto. Angelo Barocelli manterrà l'incarico di presidente del Rugby Noceto, che continuerà a lanciare il suo prestigioso settore giovanile e avrà anche una squadra in serie C, composta totalmente da giocatori nocetani. Sul matrimonio resta lo spettro del precedente matrimonio, fallito, del Noceto e dell'Amatori per dare vita al Gran, ma quella è un'altra storia e sia a Parma sia a Noceto sperano tutti che questa sia la volta buona per un rilancio ad alti livelli del rugby parmense. Nel prossimo Super 10 le squadre parmigiane saranno quindi due, il Granducato Parma Rugby, società frutto di un altro matrimonio, Gran Parma, Rugby Colorno e Viadana) e la nuova società che, come abbiamo detto, potrebbe chiamarsi Rugby Ducale. Resta il rammarico per la scomparsa, a livello d'eccellenza, di un nome prestigioso e carico di storia, la Rugby Parma. Ma tutti gli sportivi parmigiani e gli amanti di rugby si augurano che non sia per sempre. Il prossimo campionato (salvo sorprese nel prossimo consiglio federale che avverrà entro la fine di giugno, appena conclusa la tournée sudafricana degli azzurri) sarà ancora a dieci squadre. La decima, quella che riempirà il posto lasciato libero dalla Rugby Parma, sarà la retrocessa Venezia. (achi.me.)
(Nelle foto: 1) Il presidente "in pectore" della nuova società, Luigi Villani; 2) L'allenatore, Filippo Frati: dalla serie A2 all'Europa, in due anni)

Nessun commento: