/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

venerdì 11 giugno 2010

Raduno sulle ali della nostalgia

QUEI RAGAZZI
DEL ROMAGNOSI
DI 55 ANNI FA
Da Milano, da Genova, da Bologna, perfino dagli Stati Uniti: i ragazzi del Liceo Classico Romagnosi che superarono l'esame di maturità nel 1955, si sono ritrovati anche quest'anno a Parma per ricordare il tempo felice di quando erano compagni di scuola
Qualche lacrimuccia è spuntata, certo, in quei ragazzi che nel 1955, al Liceo Romagnosi, affrontarono e superarono l'esame di maturità. È spuntata mentre uno di loro, il grande fotografo Giovanni Lunardi, piombato giù da Sarasota, Florida, Stati Uniti, organizzava la foto di gruppo, in bianco e nero, proprio com'erano in bianco e nero le foto d'allora, nel 1955. Tutto ciò domenica 6 giugno del 2010. Quanto tempo è passato. Il tempo per dividersi sulle strade di carriere quasi sempre importanti e prestigiose. Il tempo per continuare a vivere nella propria città o per lasciarla, attirati da lavori e Paesi lontani. Come Lunardi, appunto, che domenica, dopo aver curato la "regia" della foto, si è aggiunto (primo a sinistra) agli ex compagni di scuola. Non compagni di una sola classe, attenzione, perché questi raduni periodici, organizzati ogni cinque anni con grande passione e determinazione da Maria Vittoria Valdrè, riuniscono gli ex allievi del Romagnosi delle tre storiche sezioni, la A e la B, maschili e la C, femminile. Domenica, per il 55° anniversario, Messa per tutti all'Annunziata e poi banchetto alla Corale Verdi, "celebrato" dal grande chef Sante Ferro (che per la foto di gruppo si è unito a quei "ragazzi del '55). Tra di loro anche un poeta, Luigi Menozzi, che ha voluto celebrare alla sua maniera questa bella rimpatriata dei ragazzi del '55, con questo scritto: "Dopo undici lustri sentono ancora nelle vene il terrore della prova di greco e il ricordo di un aoristo sbagliato. A volte sognano ancora i voli pindarici durante l’ora di filosofia e gli occhi azzurri e i capelli biondi di una certa Gaia della III C. Poi venne la vita. Non quella sognata. Ma quella vissuta. Con le gioie, i dolori, gli amori. Ieri si sono ritrovati. Qualcuno mancava, altri sono già andati avanti. Ma in chi resta c’è ancora tanta voglia di vivere, voglia di dire, voglia di fare, anche se avvolta da un’impalpabile malinconia che nessun abbraccio riesce a portare via". Ma ecco i nomi dei "ragazzi", divisi per provenienza. Da Parma: Graziano Vallisneri, Gianfranco Aiello, Giacomo Manini, Brenno Zirri, Aldo Pieruzzini, Luigi Bottoli, Luigi Menozzi, Maria Vittoria Valdrè, Paola Guastalla, Maria Chiara Mattioli, Anna Maria Zarotti. Da Genova: Ruggero Pierantoni. Da Sarasota (Stati Uniti): Giovanni Lunardi. Da Milano: Franco Lanzoni, Carlo Manghi, Romano Gelati, Piero Tragni, Guido Fornari. Da Bologna: Francesco Calzolari.
CLICCARE SULLA FOTO PER INGRANDIRLA

Nessun commento: