O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


mercoledì 30 giugno 2010

Quando i lettori collaborano

C'È POSTA PER NOI:
UNA POESIA SU PARMA
Attraverso Facebook un'affezionata lettrice di Pramzanblog, Marta Maestri, ci ha inviato una poesia dedicata a Parma. L'ha scritta, come lei spiega nel suo messaggio, una sua amica, Giovanna Zoni, durante una cena. È una composizione poetica semplice ma delicata e ci fa piacere che Marta abbia pensato proprio a Pramzanblog per farla conoscere. Proviamo sempre un grande piacere quando i lettori collaborano con noi, nello spirito più sincero e amichevole della parmigianità. Grazie Marta. Grazie Giovanna.

Nessun commento: