/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

sabato 19 giugno 2010

Pramzanblog intervista Maria Pia Quintavalla

A PARMA HO LASCIATO
IL MIO CUORE
“Quando torno nella mia città”, dice la poetessa, che ha vissuto a Parma i suoi primi trent’anni e che martedì prossimo presenterà il suo nuovo romanzo in versi “China”, alla Casa della musica “ripercorro con emozione i borghi della mia infanzia e della mia adolescenza” – “Il mio libro è dedicato al ricordo di mia madre” – “Lei voleva che io diventassi una pianista, ma io fin da bambina ero attratta dalla poesia” - “Ho imparato il dialetto da mio padre”

di ACHILLE MEZZADRI











Martedì prossimo, ore 17,30, alla Casa della musica, sarà presentato, da Stefania Provinciali e Giuseppe Marchetti, un libro. Un romanzo in versi, si intitola “China” e ha per sottotitolo “Breve storia di Gina tra città e pianura”. L’ha scritto una parmigiana, Maria Pia Quintavalla, che a Parma è nata, è stata bambina, adolescente, giovane donna. Maria Pia che a Parma ha vissuto i suoi primi trent’anni per poi andare in “esilio volontario”, proprio come me, a Milano. Qui ha lavorato come dirigente scolastico, qui ha seguito la strada della poesia che non ha più abbandonato ed è diventata la sua vita a tempo pieno.
Ha pubblicato numerosi libri, Cantare semplice, Lettere giovani, Il Cantare, Le Moradas, Corpus solum, Album feriale, Selected Poems. Ha curato l’antologia Donne in poesia, il convegno nazionale Bambini in rima. È presente in varie antologie. Cura seminari all’Università Statale di Milano.
Fa parte, la Quintavalla, dello sterminato mondo di noi “strajè”, inguaribili romantici della nostra città, sospirosi di ricordi, golosi di ritorni. Ora Maria Pia ha dato alle stampe, per le Edizioni Effigie 2010 di Giovanni Giovannetti, un bellissimo libro dove racconta sua madre, Gina De Lama, donna straordinaria di tempra antica, forte e........

Nessun commento: