/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 16 giugno 2010

Michele Pertusi protagonista di “Attila”

“TORNO AL REGIO
SOLTANTO GRAZIE
AL MALTEMPO”

“Sono contento di tornare ad esibirmi al Teatro Regio, dove ho cantato l’ultima volta un anno e mezzo fa nei Lombardi”, dice il celebre basso parmigiano “ma è per puro caso: “Attila” infatti, in forma di concerto, avrebbe dovuto essere rappresentata al Parco Ducale, ma la messa in scena è stata spostata per le cattive condizioni atmosferiche” - “Ormai, in un modo o nell’altro, non riesco più a esibirmi nel teatro della mia città” - “Il Festival Verdi, così com’è organizzato, è un doppione della stagione lirica”

di ACHILLE MEZZADRI
Pertusi, il parmigiano, torna a cantare nella sua città. Lo fa a un anno e mezzo di distanza dall’ultima esibizione al Regio, quando cantò nei panni di Pagano nei Lombardi alla prima crociata, opera inaugurale della stagione lirica 2009. Poi più niente. Né il Festival Verdi, né la stagione seguente. Stasera invece, ore 21, al Teatro Regio, sarà il protagonista di un’altra opera verdiana, Attila, anche se in forma di concerto. È l’opera che, secondo le intenzioni degli organizzatori, doveva andare in scena al Parco Ducale, inserita nella manifestazione “Sinfonia sotto le stelle”, organizzata dal comitato “Parma col cuore” in collaborazione con Parma Poesia Festival e con il patrocinio degli Assessorati alla Cultura e al Welfare del Comune di Parma. Invece il maltempo ha cambiato le carte in tavole e Attila, con un cast di assoluto rilievo (Michele Pertusi – Attila, Alessandra Rezza – Odabella, Antonio Corianò – Foresto, Luca Salsi – Ezio, Stefano Pisani – Uldino, Massimiliano Catellani – Leone, direzione di Sebastiano Rolli, Orchestra Giuseppe Verdi, Coro Renata Tebaldi, maestro collaboratore Serena Fava) non vedrà le stelle. “Sì, ritorno al Regio, ma soltanto per puro caso”, mi dice Michele Pertusi con........

Nessun commento: