/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

martedì 22 giugno 2010

La nuova stagione del cabaret pramzàn

SPÉTA
CH’ AM’ MÈTT
A DJÉTA
Prende il via giovedì 24 nel Quartiere Molinetto Area Orzi Verdi di Baganza la nuova “tournée” di “quelli del dialetto” che dopo il successo dell’anno scorso con
Stasìra parlèmma in djalètt, quest’anno, con un nuovissimo spettacolo, presentano il cabaret Spéta ch’ am’ mètt a djéta - Gli altri appuntamenti andranno in scena il 29 giugno, il 15 luglio, il 26 e il 31 agosto e il 3 settembre
di ACHILLE MEZZADRI

Li conosco bene. E alcuni di loro sono anche diventati amici cari. C’è perfino un mio omonimo. Sono “quelli del dialetto”, quelli che ora si sono dati addirittura una sigla ufficiale, GID (Gruppo Interassociativo per il Dialetto). Più semplicemente, quelli che l’anno scorso hanno dato vita alla serie di spettacoli Stasìra parlèmma in djalètt e con i quali ho avuto la fortuna di condividere una serata, in piazzale Pablo.
Fuori i nomi (in ordine alfabetico) di questi benemeriti del dialetto, che quest’anno porteranno in scena, ancora in sei quartieri, lo spettacolo Spéta ch’ am’ mètt a djéta, imperniato sull’eccellenza dei prodotti del nostro territorio e condotto con ironia sulle diete dimagranti: Mariangela Bazoni (Parma Musicale), Cristina Cabassa (Parmaindialetto), Giorgio Capelli (Famìja Pramzàna), Claudio Cavazzini (Circolo Guareschi), Anna Maria Dall’Argine (Famìja Pramzàna), Luigi Frigeri (Famìja Pramzàna), Ermes Ghirardi (Circolo Pertini), Maurizio Landi (Famìja Pramzàna), Enrico Maletti (Parma Nostra e Parmaindialetto), Giuseppe Mezzadri (Parma Nostra).......
(Nelle foto: 1) Anna Maria Dall'Argine; 2) Giuseppe Mezzadri)

Nessun commento: