O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 20 maggio 2010

Una foto, una storia -30-

LA CINA FU PIÙ VICINA
Parma ha otto città gemelle, per chi non lo sapesse. Lubiana in Slovenia, Tours e Bourg-en-Bresse in Francia, Rosario in Argentina, Guadalajara in Spagna, Worms (quella della Dieta) in Germania, Szeged, in Ungheria e, in Cina, Shijiazhuang, la capitale della provincia di Hebei. Il gemellaggio con la città asiatica avvenne nel 1987 e l'anno seguente fu celebrato ufficialmente con l'arrivo a Shijiazhuang di una delegazione di Parma guidata dall'allora sindaco Lauro Grossi. Andarono in Cina con lui alcuni assessori. Poteva mancare la "Gazzetta di Parma" con Giovanni Ferraguti, per documentare l'evento? Certo che no. E così adesso Ferraguti, nelle vesti di Gion Guti per la sua rubrica "Una foto, una storia", ci regala una testimonianza di quel viaggio, con il "taglio del nastro" dei due sindaci. Ma come si svolse la cerimonia e chi erano gli assessori? Basta cliccare qui sotto....

Nessun commento: