O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


lunedì 17 maggio 2010

Non solo una volta all’anno

UN ORTO DA AMARE
Notevole afflusso di visitatori (tantissimi bambinia "Beyond the garden”, la manifestazione tutta-natura che si svolge al rinato (quasi) Orto Botanico, che deve in gran parte il suo rilancio alla benemerita Associazione Amici dell’Orto, “capitanata”da Nicola Valenti - “L’orto, per avere un futuro stabile”, dice il direttore, Andrea Fabbri “ha bisogno di essere conosciuto di più. Se fosse aperto sempre alla domenica troverebbe nuovo slancio” – “L’associazione fa quel che può”, dice Valenti “ma è sempre in attesa chela convenzione, già firmata, sia approvata
dal Demanio, a Bologna” – La grande giornata di ieri, con musicanti, giochi, il papà delle favole e Fogliazza

di ACHILLE MEZZADRI











È stato perfino commovente vedere tanta gente, persone di tutte le età, all’Orto Botanico di via Farini, in una domenica che, dopo un inverno interminabile, a metà maggio, sembrava di vera primavera. Era ora. L’orto Botanico in festa, con il direttore, Andrea Fabbri, ad accogliere i visitatori, con Nicola Valenti, presidente della benemerita Associazione degli Amici dell’orto, che si aggirava tra musicanti, disegnatori, papà delle favole, giornalisti, a spiegare le novità, a raccontare a chi non lo sa come è nato questo sogno, a dire che l’associazione da lui presieduta è un sogno, è vero, ma un sogno a metà, perché una benedetta convenzione già firmata, è lì, ferma, in un cassetto del Demanio di Bologna. E senza l’approvazione il sogno.....
LEGGETE L'ARTICOLO COMPLETO
LA GALLERIA FOTOGRAFICA È IN FONDO ALL'HOMEPAGE

1 commento:

fogliazza ha detto...

Caro Achille... grazie! Perchè qui tocca resistere!Grazie per il tuo prezioso sostegno.