/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 17 maggio 2010

La nuova puntata di "Su il sipario"

HALLA MARGRET:
"CANTAVO CANZONI
MA HO SCELTO
LA LIRICA E PARMA"
Il soprano islandese, a Parma da molti anni, era diventata famosa nel 1987 dopo aver partecipato all'Eurofestival - Ma il suo sogno era diventare cantante lirica, e ci è riuscita - La sua storia nell'intervista che ha concesso a Paolo Zoppi per la rubrica "Su il sipario" - Nella puntata anche il resoconto dell'applaudito concerto lirico alla Corale Verdi per il secondo compleanno degli "Amici della lirica", con Roberto Costi, Valentina Galullo e Roberto Barrali
Nel suo Paese, l'Islanda, aveva raggiunto una grande notorietà come cantante di musica leggera, da quando, nel 1987, aveva partecipato all'Eurofestival con una bella canzone. Ma lei, Halla Margret, aveva altro in mente. Mentre cantava canzoni sognava di diventare una cantante lirica e dopo tanta gavetta (ha partecipato perfino a Quelli che il calcio) ci è riuscita. Da anni è un soprano apprezzato e si toglie tante soddisfazioni. In più, da oltre dieci anni, è parmigiana di adozione, perché ha sposato un parmigiano e ormai si considera anche lei un po' pramzàna. Questo e altro su Halla Margret in una bella intervista che il nostro Paolo Zoppi ha inserito nella puntata di questa settimana della sua rubrica Su il sipario. Nello stesso numero anche il resoconto della bella serata di musica alla "Corale Verdi", dove nella Sala Gandolfi si è svolto il concerto per i due anni di vita della benemerita Associazione "Gli amici della lirica del Cral CariParma", con Roberto Costi, Valentina Galullo e Roberto Barrali.
(Nelle foto : 1) Halla Margret; 2) Il gran finale del concerto)

Nessun commento: