/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

lunedì 3 maggio 2010

La nuova puntata di "Su il sipario"

PREGEVOLE "CAVALLERIA"
AL COMUNALE DI FELINO

Mentre un decreto legge appena emanato limita la cultura, l'istruzione e la ricerca, alcuni amici, capitanati dall'infaticabile Paolo Mora, hanno dimostrato che la passione può sfidare, con successo, anche i "tagli" - Pregevole la "Cavalleria rusticana" che hanno messo in scena a Felino, con validi artisti - Ne parla Paolo Zoppi nella sua rubrica "Su il sipario" - L'almanacco è dedicato al parmigiano Ferdinando Paër, scomparso 171 anni fa
Come scrive Paolo Zoppi nella puntata odierna della sua rubrica Su il sipario, il presidente della Reppubblica Giorgio Napolitano ha appena emanato un decreto legge che di fatto limita l'attività culturale nel nostro Paese. Ma nello stesso tempo è stato dimostrato che la passione di un gruppo di amici e pochi spiccioli raccolti da sponsor locali, possono sfidare perfino i "tagli" imposti dalla politica. Al Comunale di Felino, per esempio, è andata in scena, nonostante le ridotte risorse finanziarie, un'ottima edizione di Cavalleria rusticana, con validi artisti, come Roberto Costi, Halla Margret, Maria Giovanna Pattera, Giulio Boschetti, Valentina Vanini. E il pubblico è rimasto molto soddisfatto. Zoppi ne parla ampiamente nella sua rubrica, che comprende anche l'almanacco del giorno, dedicato al compositore parmigiano Ferdinando Paër, scomparso nel 1839, 171 anni fa.
(Nella foto /by Massimiliano Ortalli/: Gli interpreti di "Cavalleria rusticana" ricevono gli applausi finali)

Nessun commento: