O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 14 maggio 2010

I figli le hanno stampato il libro

UN REGALO
A MAMMA TAMARA
Ciro, Sara e Marco, i tre figli che Tamara Baroni ha avuto dal terzo marito Gianni Garbellini, hanno fatto una sorpresa alla madre: le hanno regalato una copia stampata del suo libro "Tamara, la parmigiana", che ha avuto e sta avendo ancora grande successo on line
Gioie di mamma. Tamara Baroni, icona della bellezza pramzàna, e non solo, negli anni '60 e '70, ex "Tamiura", ex attrice e cantante, moglie e mamma appagata, nonché scrittrice e poetessa, in Brasile, è molto fiera di un regalo che le hanno fatto i figli avuti dal terzo marito Gianni Garbellini: Ciro, Sara e Marco. I tre giovani, fieri del successo on line del libro della mamma, Tamara, la parmigiana, scaricato e letto da migliaia di "naviganti" su Internet (difficile tenere il conto, il libro continua a essere "scaricato") hanno voluto fare un regalo a Tamara: a sua insaputa hanno fatto stampare una copia del libro. Una sola, per il momento, ma almeno per dare alla madre la soddisfazione che gli editori italiani le hanno negato: il libro in cartaceo. Qui pubblichiamo la copertina e la controcopertina. Ma non è finita. "È stata veramente una bella sorpresa", dice Tamara. "Ma adesso l'Academia das Letras, tramite Diogenes da Cunha Lima mi ha chiesto di tradurlo in portoghese, affinché possa essere letto e capito anhe in Brasile. Mah, vediamo. sarebbe certo una bella soddisfazione. E anche una rivincita nei confronti degli editori italiani".
(Nelle foto: 1) La copertina; 2) la controcopertina)

Nessun commento: