/// O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìr al ni / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vriss andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär...

mercoledì 19 maggio 2010

Giovanni Paolo Tv

LA TELEVIZJÓN DAL DJALÈTT
Domenica scorsa, sulla piccola emittente pramzàna della parrocchia di San Paolo Apostolo, è andata in onda, con successo, la prima delle venti puntate della trasmissione “Socuànt minùd in djalètt pramzàn”, condotta da Enrico Maletti nei panni di “méstor dal djalètt” – “Per poterla seguire ogni domenica sera”, ci ha detto il responsabile tecnico e coautore del programma, Nicola Gennari “è necessario sintonizzarsi sul canale digitale vhf 184,50 e possedere un’antenna di terza banda

di ACHILLE MEZZADRI










Molti anni fa sulle emittenti radiofoniche e televisive di Parma c’era spazio anche per il dialetto. Poi niente. Gli amanti della nostra lingua sono rimasti a bocca asciutta. Fino a domenica scorsa, quando, alle 21, sulla piccola ma valorosa emittente parrocchiale Giovanni Paolo Tv, è andata in onda la prima delle venti puntate di Socuànt minùd in djalètt pramzàn, condotta da Enrico Maletti, al principp dal djalètt, qui nei panni di méstor del nostro vernacolo. Chi è un po’ avanti negli anni ricorderà sulla Rai, dal 1959 al 1968, la trasmissione Non è mai troppo tardi, con la quale il maestro Alberto Manzi combatteva l’analfabetismo, che allora ancora esisteva, insegnano l’italiano a chi non sapeva né leggere né scrivere. Diventò un’istituzione, il maestro Manzi. Ma anche il dialetto, anca al djalètt pramzàn, ha i suoi analfabeti e allora ecco che, in pieno 2010, spunta al méstor Malètt che...

Nessun commento: