O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 20 maggio 2010

Edoardo Fornaciari a Parmafotografica

FOTOGRAFI ALLA FRUTTA
Il notissimo fotogiornalista parmigiano terrà stasera, presso la sede del Circolo Aquila Longhi, in vicolo Santa Maria 1, un incontro sul tema “Fotografia e giornalismo fotografico: aria di crisi”

“Viene da piangere”, dice Edoardo Fornaciari, 57 anni, uno dei maghi dell’obiettivo, fotogiornalista, parmigiano, tra i più quotati d’Italia. “Viene da piangere a pensare come si è ridotta la mia, la nostra categoria, quella dei fotogiornalisti. Viene da piangere a pensare come eravamo e come siamo adesso. Schiacciati dalla crisi, ma anche da altri fattori, per esempio l’avvento della fotografia digitale che ha consentito a chiunque di sentirsi (attenzione, “sentirsi”, non essere) fotografo e di proporre, anche gratis, immagini ai giornali. Viene da piangere a pensare come gli editori.......

Nessun commento: