O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


giovedì 20 maggio 2010

Domani sera a Parma Lirica

MAGIERA TRA
PAVAROTTI E CHOPIN
Grande ospite d’onore domani sera nel circolo musicale di via Gorizia: il celebre maestro Leone Magiera, che eseguirà al pianoforte i 12 studi op. 25 di Frédéric Chopin - Prima del concerto il musicologo Gian Paolo Minardi e il giornalista Mauro Balestrazzi, presenteranno il libro di Magiera “Pavarotti visto da vicino”, che in pochi mesi è già arrivato alla seconda edizione

Straordinaria serata, domani, a Parma Lirica, la storica associa-zione musicale di via Gorizia, presieduta da Paolo Ampollini. Sarà ospite d’onore infatti un grande nome della musica, il maestro Leone Magiera, direttore d’orchestra, piani-sta, scopritore di talenti. Sarà nell’auditrium dell’associazione per suonare al pianoforte musiche di Chopin (i 12 studi opera 25), ma anche per presentare, assieme al critico musicale Gian Paolo Minardi e al giornalista Mauro Balestrazzi, il suo libro Pavarotti visto da vicino, che in pochi mesi è già arrivato alla seconda edizione. Il libro racconta .......

Nessun commento: