O rondanén'na bjanca njgra e znéla / ch'a t'gir al mónd par costruìrt al nì / par ti che téra éla la pu béla? / parchè la vris andär a vèddor mi. / Mo l'è Pärma ch'l'è speciäla / pjén'na äd vióli profumädi / e l'è tanta muzicäla / da fär tutti un po' cantär. / Int’il gróndi cuànd a pióva / l’àcua t‘ f a la sérenäda / e in-t-il tòrri traforädi / dvénta muzica anca al vént. /O lezgnolén ch’a t’ gh’é la góla dòra / indo ät imparé a cantär csi bén? / Al to gorghègg da ‘dentor tutti al fóra / e il coppiètti alóra is fan l’océn. / J’ò imparé a stär su ‘na pianta / cla se spécia in-t-un laghètt / indo gh’é un izolètta / con di ciggn bianch e morètt. / Tutt il siri là sentiva / i béj cant ädla coräla / e ’l me cór picén al capiva / che csì sól a s’ pól cantär.


venerdì 23 aprile 2010

Una nuova grande iniziativa di Pramzanblog

AL BÉL DJALÈTT PRAMZÀN
SU PRAMZANBLOG TV
Parte da oggi una rubrica collegata al nostro canale su YouTube: Achille Mezzadri, l'inventore di "Pramzanblog", legge le più belle poesie dello sterminato panorama dialettale pramzàn - La prima è "Primm pas", di Bruno Pedraneschi
Quando chiediamo ai nostri intervistati che cos'è la parmigianità, tutti, chi più chi meno, descrivono sfaccettature varie dell'essere pramzàn, ma nessuno dimentica che una delle anime, forse "l'anima" della parmigianità, è il dialetto. Così Pramzanblog ne ha studiata un'altra delle sue, sperando di fare cosa gradita ai suoi lettori. Una nuova rubrica, "Al bél djalètt" pramzàn", collegata a PramzanblogTv (il nostro canale video su YouTube) nella quale Achille Mezzadri, l'inventore di Pramzanblog, in compagnia della sua dolce cagnolina Cindy, legge alcune delle più belle poesie (e non solo) dello sterminato panorama dialettale pramzàn. La prima puntata è dedicata a Bruno Pedraneschi (1909 - 1981), del quale viene letta una poesia molto dolce, Primm pas, tratta dal libro La vriss ésor poezia (Azzali editori, 1995, trascrizione a cura di Enrico Maletti). Ci scusiamo per il nostro dialetto non perfetto, tipico di uno "strajè", ma speriamo egualmente che il nostro sforzo e la nostra passione pramzàna meritino la pazienza e l'affetto dei lettori.

Nessun commento: